Insieme per una città veramente di tutti

Mondovì in Movimento



Lo sai che alcuni supermercati e panetterie di Mondovì da anni destinano cibi e alimenti alla Cittadella della Carità? 0

Posted on novembre 22, 2016 by MoMo

Un post al giorno… leva il rifiuto di torno!!!

cibo-avanzato-caritasLo sai che alcuni supermercati e panetterie di Mondovì da anni destinano cibi e alimenti alla Cittadella della Carità?

In questo modo i rifiuti si trasformano in dono per chi ne ha bisogno perchè gli alimenti e i cibi vengono utilizzati nella mensa della Caritas e vengono distribuiti ad associazioni che seguono persone e famiglie in difficoltà .
Se sei interessato ad aderire a questa forma di solidarietà contatta direttamente la Cittadella della Carità (0174 45070 – info@cittadellacaritas.it)

Da pochi mesi è entrata in vigore la legge sugli sprechi alimentari clicca qui per ulteriori approfondimenti:
http://www.governo.it/approfondimen…/sprechi-alimentari/5549
 
#serr2016 #ewwr2016 #momo

 

Condividi su Facebook

Lo sai che fare la lista della spesa ti aiuta a non sprecare il cibo? 0

Posted on novembre 19, 2016 by MoMo

Un post al giorno… leva il rifiuto di torno!

spesa-intelligenteLo sai che fare la lista della spesa ti aiuta a non sprecare il cibo?Prima di andare a fare la spesa abituati a scrivere cosa ti serve.

Puoi anche farlo sul telefonino, che tanto hai sempre a portata di mano.
Se compri solo gli alimenti che ti servono eviterai di buttare nei rifiuti cibo scaduto.
Con gli avanzi di cibo potrai preparare con fantasia e creatività pietanze gustose ed uniche, proprio come facevano i nostri nonni.
Eccoti un sito dove puoi trovare ottime ricette targate #slowfood per cucinare con gli avanzi!

http://www.unabuonaoccasione.it/…/da-non-…/ricette-slow-food

#serr2016 #ewwr2016 #momo #proteocooperativa

Condividi su Facebook

L’opposizione unita chiede al Sindaco l’adesione del Comune di Mondovì alla “Carta per una rete di enti territoriali a Spreco Zero” 0

Posted on gennaio 31, 2013 by MoMo

I Consiglieri comunali di MONDOVI’ in MOVIMENTO – Gambera, Magnino e Tarolli – hanno presentato di comune accordo con gli altri Consiglieri di opposizione a Mondovì – Costamagna (5 Stelle), Borsarelli (Mondovì Città Solidale) e Bovetti – un Ordine del Giorno nel quale chiedono al Sindaco Viglione e alla sua Giunta di sottoscrivere per conto del Comune di Mondovì la “Carta per una rete di enti territoriali a Spreco Zero” e condividere e promuovere con i propri mezzi di comunicazione la campagna “Un anno contro lo spreco”, per sensibilizzare l’opinione pubblica sul valore positivo del cibo e dell’alimentazione e sulle conseguenze dello spreco alimentare dal punto di vista economico, ambientale e sociale al fine di favorire una cultura economica e civile improntata ai principi della sostenibilità e della solidarietà.

 

 

 IL CONSIGLIO COMUNALE DI MONDOVI’

PREMESSO CHE

 –       lo spreco alimentare è uno scandaloso paradosso del nostro tempo. Mentre vi è la necessità di aumentare la produzione di alimenti almeno del 70% nei prossimi anni per nutrire una popolazione che conterà 9 miliardi nel 2050, nel mondo, secondo FAO, si spreca più di un terzo del cibo che viene prodotto. Tanto che se si potessero recuperare tutte le perdite e gli scarti, si potrebbe far mangiare, per un anno intero, metà dell’attuale popolazione mondiale: 3,5 miliardi di persone.

–       lo spreco alimentare è tanto più incomprensibile quanto più aumentano a livello mondiale e locale: l’impoverimento globale a causa della crisi economica (secondo la Conferenza delle Nazioni Unite per il Commercio e lo Sviluppo negli ultimi quarant’anni il numero dei paesi molto poveri è raddoppiato passando da 25 nel 1971 a 49 nel 2010, la stessa cosa è avvenuta per il numero delle persone al di sotto della soglia di povertà a partire dagli anni ’80); le persone denutrite e sottonutrite (1 miliardo secondo la FAO nel 2010); la produzione di rifiuti urbani (502 Kg a persona nell’UE-27nel 2010).

–       lo spreco alimentare riguarda tutti i passaggi che portano gli alimenti dal campo alla tavola e colpisce indistintamente tutti i Paesi del mondo. In quelli in via di sviluppo dove si localizza a monte della filiera agroalimentare (6-11 kg pro-capite nel 2010 secondo FAO) e in quelli sviluppati collocandosi a valle: distribuzione, ristorazione e consumo domestico (95-115 kg a testa, secondo FAO). L’Unione Europea con 180 kg pro-capite e l’Italia con 149 kg pro-capite risultano sopra la media dei Paesi sviluppati.

–       nei Paesi più “ricchi” la parte preponderante degli sprechi alimentari avviene a livello domestico. Secondo una stima della Direzione Generale per l’Ambiente della Commissione Europea negli Stati membri il 42% del totale degli sprechi, 76 kg pro-capite per anno, si materializza all’interno delle mura domestiche (pari al 25% della quantità di cibo che i cittadini europei acquistano ogni anno). Almeno il 60% di questo spreco potrebbe essere evitato.

–        In Italia nel 2011 lo spreco di cibo a livello domestico è costato ad ogni famiglia poco meno di 1.600 euro all’anno, ovvero il 27% dei 5.724 euro spesi ogni anno per l’acquisto di beni alimentari (dopo l’abitazione, la spesa alimentare è la seconda voce nel bilancio delle famiglie italiane).

–        Lo spreco alimentare “vale” il 2,4% del PIL a prezzi di mercato nel 2011 pari a circa 40 miliardi di euro. Si tratta del 14% del valore riferito all’intero sistema agroalimentare italiano (286 miliardi di Euro nel 2010). Gettando via il cibo si sprecano le risorse naturali impiegate – suolo, acqua, energia – per produrre, trasformare, distribuire e smaltire e si determinano impatti negativi non solo dal punto di vista economico ma anche ambientale.

–       Secondo il Libro nero dello spreco in Italia – che stima l’impatto ecologico delle perdite di cibo – nel nostro Paese lo spreco alimentare dal campo al supermercato corrisponde a circa 3,6 milioni di tonnellate all’anno. Tale quantità di cibo sprecato comporta l’emissione di 4,14 milioni di tonnellate di CO2 (pari all’8,79% delle emissioni del settore agricolo o al 3,98% delle emissioni del sistema agroalimentare italiano). In termini di acqua virtuale, ciò che è rimasto non raccolto in campo nel 2010, corrisponde a poco più di 1,2 miliardi di m3, una quantità pari al lago d’Iseo. Ipotizzando una percentuale di cibo sprecato del 20%, circa il 3% del consumo finale di energia sarebbe attribuibile allo spreco alimentare. Questo dato sarebbe equivalente ai consumi energetici finali di 1.650.000 italiani.

–       combattere lo spreco e le perdite di alimenti e le relative conseguenze – una vera e propria Wasting Review da accoppiare alla più nota Spendig Review – deve dunque essere una priorità economica, ecologica e sociale per la politica, le istituzioni, le amministrazioni locali, le imprese e la società civile.

 

CONSIDERATO CHE

–       il Parlamento Europeo ha votato in seduta plenaria (Strasburgo, 19 gennaio 2012) una Risoluzione su come evitare lo spreco di alimenti: strategie per migliorare l’efficienza della catena alimentare nell’UE preparata dalla Commissione per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale su impulso della Dichiarazione congiunta contro lo spreco elaborata da Last Minute Market nel quadro della campagna europea Un anno contro lo spreco, sottoscritta da tante personalità della cultura e della scienza;

–       la Risoluzione del PE intende lo spreco alimentare come l’insieme dei prodotti scartati dalla catena agroalimentare per ragioni economiche o estetiche o per prossimità della scadenza di consumo, ma ancora perfettamente commestibili e potenzialmente destinabili al consumo umano e che, in assenza di un possibile uso alternativo, sono destinati a essere eliminati e smaltiti producendo esternalità negative dal punto di vista ambientale, costi economici e mancati guadagni per le imprese;

–       la Risoluzione del PE si pone l’obiettivo di ridurre del 50% gli sprechi alimentare entro il 2025 e di dedicare il 2014 come Anno Europeo di lotta agli sprechi alimentari attraverso una strategia per migliorare l’efficienza della catena alimentare degli Stati Membri.

 

ULTERIORMENTE PREMESSO CHE

–       Il Comune di Mondovì nel gennaio 2009  ha firmato un protocollo d’intesa denominato “PROGETTO BUON FINE” con COOP LIGURIA che attraverso la CARITAS DIOCESANA DI MONDOVI’ consente il recupero settimanale delle merci deperibili invendute per destinarle alla mensa cittadina o a famiglie in stato di indigenza;

–       Il Comune di Mondovì ha firmato nel 2010 e successivamente rinnovato una convenzione in scadenza il prossimo 30 giugno 2013  denominata “PROGETTO BUON SAMARITANO” con la MARANGONI SRL e la CARITAS DIOCESANA DI MONDOVI’ per la distribuzione dei pasti giornalieri non consumati nelle mense di Mondovì;

–       La mensa serale della Cittadella della Carità della CARITAS CITTADINA ha servito nel 2012 n. 7.126 pasti rispetto ai 5.202 del 2011 ed ai 4.804 del 2010;

–       Sono in aumento le borse della spesa offerte settimanalmente dalle Caritas Parrocchiali alle famiglie in difficoltà;

–       Negli ultimi anni è aumentato il numero dei supermercati presenti con marchi diversi sul territorio comunale con i quali l’Amministrazione Comunale non ha ancora stipulato alcun tipo di accordo;

 

IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA

–       A sottoscrivere la “Carta per una rete di enti territoriali a Spreco Zero” allegata al presente Ordine del Giorno e condividere e promuovere con i propri mezzi di comunicazione la campagna “Un anno contro lo spreco” per sensibilizzare l’opinione pubblica sul valore positivo del cibo e dell’alimentazione e sulle conseguenze dello spreco alimentare dal punto di vista economico, ambientale e sociale al fine di favorire una cultura economica e civile improntata ai principi della sostenibilità e della solidarietà;

–       a rendere operative da subito alcune delle indicazioni contenute nella “Risoluzione europea” contro lo spreco alimentare per contribuire concretamente all’obiettivo di dimezzare entro il 2025 gli sprechi alimentari.

 

Condividi su Facebook
  • Resoconto della raccolta fondi per il progetto "Borse Lavoro"



    MONDOVI' in MOVIMENTO verso...

    una Mondovì con più verde e meno supermercati, che tuteli il paesaggio e lo difenda da inutili cementificazioni e da uno sviluppo irrazionale

    una Mondovì capace di costruire opportunità di lavoro per tutti ed in particolare per le nuove generazioni

    una Mondovì che tuteli tutte le attività artigianali, commerciali, agricole e agroalimentari con particolare attenzione alle tipicità locali

    una Mondovì che scommetta sui giovani e sul loro entusiasmo, che li sappia coinvolgere attivamente nella vita cittadina e favorisca la nascita e lo sviluppo di associazioni, luoghi di aggregazione e di discussione

    una Mondovì che consideri prioritario il tema della scuola e che sostenga il mondo dello sport ad ogni livello

    una Mondovì che sappia valorizzare il suo patrimonio storico e culturale e la sua originale produzione artistica e letteraria

    una Mondovì che promuova la salute dei propri cittadini ed in particolare che sappia offrire un’assistenza adeguata alle persone anziane

    una Mondovì attenta ai bisogni delle persone, unita e solidale, dove chiunque possa sentirsi a casa

    una Mondovì capace di assumere un ruolo di riferimento per lo sviluppo di tutto il territorio monregalese

    una Mondovì nel mondo, attenta ai cambiamenti che avvengono nella società, al suo interno e al suo esterno, e che sappia esserne protagonista


    MONDOVI' in MOVIMENTO aderisce al FORUM nazionale



    Stats: 260 Posts, 61 Comments

  • Articoli recenti

  • Archivio



↑ Top