Insieme per una città veramente di tutti

Mondovì in Movimento



MONDOVI’ in MOVIMENTO aderisce convintamente al corteo delle lavoratrici “Rebus” e “Pierrot” 0

Posted on aprile 15, 2016 by MoMo

La manifestazione, organizzata con il supporto della Filctem CGIL, partirà alle ore 10.00 in piazza Carlo Ferrero (davanti al Bar Scudo)
Rebus e PierrotMONDOVI’ in MOVIMENTO aderisce convintamente al corteo dei dipendenti delle due aziende tessili di Mondovì al centro di una drammatica crisi finanziaria, la “Rebus” e la “Pierrot”.

Nella mattinata di domani, sabato 16 aprile, le 80 famiglie delle lavoratrici che da più di tre mesi non percepiscono alcuna retribuzione – con il supporto del sindacato Filctem CGIL, organizzano una manifestazione che partirà alle ore 10.00 in piazza Carlo Ferrero (davanti al Bar Scudo) per concludersi davanti alla sede del Comune in Piazza Martiri della Libertà, passando all’interno del mercato in Piazza Ellero e poi in Corso Statuto.

La speranza è quella di essere ricevuti dall’amministrazione Comunale di Mondovì per chiedere che si faccia promotrice di organizzare un incontro che riunisca assieme alle lavoratrici e i Comuni ove le stesse risiedono per affrontare la difficile situazione facendo “sistema” e fare un appello all’imprenditoria locale affinché non si disperdano le numerose professionalità, anche in considerazione del fatto che alcune commesse produttive della precedente gestione potrebbero ancora non essere disperse.

L’invito rivolto a tutti  è di partecipare numerosi, per far sentire la propria vicinanza alle famiglie delle lavoratrici e per dare il massimo risalto, e portare a conoscenza dei più, questa nuova realtà di disagio.

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

Condividi su Facebook

A Mondovì va in scena il Primo Maggio! 0

Posted on aprile 28, 2015 by MoMo

MONDOVI’ in MOVIMENTO porta al Teatro Bertola “Lavoro 2.0 – Per una nuova etica del Lavoro”. E la sera al CRB l’immancabile Concert1no!!!

A3_TEMPLATE_MoMo_manifesto2015Il Primo Maggio monregalese quest’anno si tinge di un’insolita e innovativa interdisciplinarità: non solo musica e balli, infatti, ma anche un confronto serio e costruttivo su una nuova etica del lavoro da radicare anche nel tessuto locale.
Su il sipario alle ore 17 circa presso i locali del Teatro Bertola per il Primo Atto: l’ex Presidente di MONDOVI’ in MOVIMENTO, Cesare Morandini, condurrà una variegata tavola rotonda alla quale siederanno giovani amministratori locali, intraprendenti professionisti, contadini originali e nuovi imprenditori, impegnati nella realizzazione di un’economia di comunione e di inclusione sociale.
Gli intermezzi musicali del trio Quarantadue (Ilaria Ottonello, Paolo Rolfi e Greta Urani) lasceranno poi spazio a poster, video e slide per un Secondo Atto all’insegna delle esperienze lavorative più singolari: dalle fattorie biologiche al co-working in ambito commerciale, dall’allevamento bovino alla mutua autogestione. Presenti in tal senso anche Massimiliano Campana e Davide Masera, Segretari Generali CISL e CGIL della Provincia di Cuneo, sostenitori dell’iniziativa.

Dalle 20.30 nel vicino Circolo Ricreativo del Borgato, infine, l’esibizione di quattro giovani band monregalesi:
18 dicembre   –   Norfolks   –   Niro   –   La teiera di Russel.
Una giornata particolarmente intensa, patrocinata dal Comune di Mondovì e dal Circolo Ricreativo del Borgato e resa possibile dall’entusiasmo dei volontari di MONDOVI’ in MOVIMENTO, dalla collaborazione del Comizio Agrario di Mondovì e dalla sponsorizzazione di Gastaldi Assicurazioni. Una manifestazione dal format inedito, insomma, perfettamente in linea con un’ottica lavorativa da 2.0!

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

A4_TEMPLATE_MoMo_programma2015-2

 

 

Condividi su Facebook

Un lavoro grazie alle Borse finanziate con i gettoni dei Consiglieri comunali e tanta solidarietà 0

Posted on dicembre 03, 2014 by MoMo

Progetto Borse LavoroOra MONDOVI’ in MOVIMENTO punta a replicare l’iniziativa per aiutare altri monregalesi in difficoltà.
MONDOVI’“Volevamo dare un sostegno concreto ai monregalesi che pagano il tributo più alto alla crisi. Ma allo stesso tempo puntavamo a qualcosa che andasse oltre il sussidio. Cosi ci è venuta l’idea delle borse lavoro finanziate con i gettoni dei nostri consiglieri e grazie alla solidarietà di tanti concittadini. Ed è riuscita cosi bene che ci stiamo adoperando per ripeterla”. Così Chiara Mondino, che da poco più di un anno ha sostituito nella carica di presidente di “MONDOVI’ in MOVIMENTOCesare Morandini, commenta la staffetta di generosità che ha coinvolto tutto il direttivo del Mo.Mo. e che si è concretizzata in un risultato senza precedenti.
I due lavoratori assunti per tre mesi grazie alla borsa finanziata da “Mo.Mo.” – e portata avanti in collaborazione con il Consorzio socio assistenziale del Monregalese e la Caritas di Mondovì – sono infatti stati assunti con regolare contratto da due aziende monregalesi. “Una bella soddisfazione perché accade raramente che questi periodi di prova si concludano con una prosecuzione del rapporto di lavoro. Ma stavolta è successo e questo ci incoraggia a riproporre l’iniziativa perché crediamo sia lo spirito giusto con cui rivolgersi a chi la crisi ha tolto spesso tutto: il lavoro, la famiglia, una prospettiva. Vogliamo regalare loro una chance. E i due lavoratori che ce l’hanno fatta potrebbero essere dei testimonial ideali” aggiunge Irene Garelli, che ha seguito da vicino le varie tappe del progetto.

Un progetto partito nel marzo dello scorso anno grazie ai circa tremilasettecento euro messi insieme con i contributi volontari degli iscritti del movimento, attraverso una raccolta fondi attivata a livello cittadino e con i gettoni di presenza dei tre consiglieri del Mo.Mo. in Consiglio comunale – Paolo Magnino, Stefano Tarolli e Giovanni Gambera.
Così sono state istituite due borse lavoro da cinquecento euro l’una della durata di tre mesi ciascuna. Per la “logistica” il movimento si è affidato alla Caritas e al Cssm per selezionare i candidati da avviare all’esperienza di lavoro.

Chiara Mondino - Presidente di MONDOVI' in MOVIMENTO

Chiara Mondino – Presidente di MONDOVI’ in MOVIMENTO

Lo abbiamo fatto perché innanzitutto non volevamo essere noi a scegliere a chi assegnare la borsa lavoro, prova ne è che i destinatari sono a tutt’oggi rimasti anonimi, e poi perché Caritas e Cssm ci sembravano gli interlocutori giusti con cui avviare questa esperienza”. Tutti e due i lavoratori, concluso il primo periodo, hanno avuto un secondo rinnovo (finanziato con altri fondi) e poi l’assunzione grazie alla buona volontà e alle capacità dimostrate durante il tirocinio.

Adesso al “Mo.Mo.” studiano di bissare il progetto. Hanno messo da parte altri gettoni e contano per il prossimo anno di riproporre di nuovo due borse lavoro. “Anche stavolta però la buona volontà dei nostri consiglieri non basta. Dovremo ricorrere ancora una volta all’aiuto dei sostenitori e dei cittadini per raggiungere la somma necessaria. Ma credo che non sarà un’impresa difficile visti i risultati” dice Gabriele Campora del Mo.Mo.
Di sicuro potranno contare come testimonial anche su Fabrizio Clerico, che guida la cooperativa Proteo, che si occupa di reinserire nel circuito del lavoro le persone con più disagi, dai disabili ai carcerati. “L’accompagnamento nel mondo del lavoro del soggetto che ha potuto usufruire della borsa di lavoro del Mo.Mo. è un esempio riuscito. – spiega Clerico – Si tratta di un giovane letteralmente dimenticato da Dio, con una bimba piccola e moglie a carico e nessuna rete famigliare a suo sostegno. Nel suo passato, un’esperienza di calciatore arrivato a un passo dalla serie A, con la maglia della Sampdoria. Poi un terribile infortunio gli ha cambiato la vita, facendolo precipitare nella miseria più nera. Oggi, dopo un percorso durato alcuni mesi, è regolarmente impiegato in un’industria di Mondovi”.

 

La Stampa domenica 31 novembre 14

Articolo uscito su “La Stampa – Cuneo”, domenica 30 novembre 2014

 

 

 

Condividi su Facebook

Concert1no del Primo Maggio: esperienza sicuramente da ripetere! 0

Posted on maggio 07, 2014 by MoMo

LITIO

Le emozioni vengono trattenute per minuti, ore, giorni, settimane; si stratificano l’una sull’altra, in attesa dell’evento culminante: la quiete che aleggia prima di una tempesta.
L’immagine del mattino del primo maggio: una piazza Ellero vuota, un voluminoso palco sotto l’ala mercatale e ben poco altro. Nell’arco di poche ore lo spazio si riempie di persone, di grida di festa, di echi di bambini, di pensieri e di suoni, fino a notte fonda. E poi, allo scoccare della mezzanotte, come in un sogno, l’immagine torna quella del mattino.

Si è chiusa con tanti sorrisi, affaticati forse, ma pieni di soddisfazione la carrellata del “Concert1no del Primo Maggio” organizzata da MONDOVI’ in MOVIMENTO con il patrocinio dei sindacati CGIL, CISL e UIL e del Comune di Mondovì. Il bilancio di questa prima edizione è senza dubbio più che positivo: il bel tempo ha aiutato a richiamare le persone, specie nella prima parte della kermesse quando le famiglie, dopo le scampagnate fuori porta o le grigliate a casa, sono uscite per sgranchirsi le gambe.
Lo staff della Pro Loco delle Frazioni ha cominciato molto presto a somministrare panini e bevande in fondo all’ala mercatale, quando la voce di Marlen Pizzo ancora lanciava le prime band sul palco. A scaldare l’atmosfera ci hanno pensato i giovani From Hell To Breakfast prima e The Ezeflock dopo, band locali di studenti di scuole superiori che nonostante la giovane età hanno saputo mettere in mostra grandi qualità. Se il buon giorno si vede dal mattino ne vedremo sicuramente delle belle. A seguire, i più piccini hanno potuto ammirare prima, e confrontarsi in modo diretto poi, il gioco e le arti della giocoleria dell’Albero del Macramé.

ASTROLABIO

La fase della giornata dedicata ai temi sociali ha avuto il momento di maggiore scambio di idee nell’intervento di Mario Gala, riconosciuto allevatore di Murazzano che, nella sua azienda agricola Il Finocchio Verde, promuove lo sviluppo della cultura agricola e rurale attraverso il sistema di scambio di conoscenza del wwoof. La musica cantautorale di Lizziweil prima, lo spazio teatrale con l’associazione Astrolabio poi, il rock and roll sagace e scanzonato dei Litio e la conclusione con il breve reading di Jacopo Ramonda in presentazione del suo libro di prose brevi “Una Lughissima Rincorsa”, hanno segnato una fase della giornata in cui si è cercato di dare spazio alla parola ed allo sviluppo del pensiero.
Le cover degli Ammaccabanane hanno chiuso idealmente il pomeriggio pronti per lanciare la manifestazione verso la serata, fase clou, aperta magistralmente dal suono intenso e potente dei Deadman’s Miracle, che hanno letteralmente catturato il pubblico con il loro rock stoner fatto di cuore ed energia. Il suono dei Kippi’s è sceso lungo un’ideale direttrice Mondovì-Torino da Savigliano, con le luci della sera, un suono caldo e profondo pronto a spiccare il volo verso gli States (dove la band si dirigerà in tour in estate).

AMMACCABANANE

Nonostante il tempo poco propizio, a causa della presenza di una fredda brezza, la temperatura sotto l’ala mercatale di Piazza Ellero è poco per volta aumentata: ci hanno pensato i bravi danzatori di breakdance guidati dal giovane monregalese Mini e supportati dall’assistenza musicale di Jailrock e dal rap “made MondoVIP” a creare il momento di maggiore coinvolgimento della piazza, perfetto trampolino di lancio per gli ultimi due live degli oscuri e affascinanti Deb e I Mostri e delle Officine Le Falci, che hanno chiuso in bellezza, con un sound tutto all’insegna della sperimentazione, la manifestazione.

Ed è così calato il sipario su di una giornata fatta di pensieri seri e di sorrisi, di fatica e gioia, di musica e parole. Abbassate prima e spente poi le luci, nel silenzio della piazza ancora uno strano rumore, lieve, in sottofondo: come un ronzio di una mosca che ha ancora voglia di girare per le strade di Mondovì e di non abbandonare all’estemporaneità di un momento una manifestazione come quella appena trascorsa del Concert1no del Primo Maggio.

Condividi su Facebook

A Mondovì si festeggia la Festa del Lavoro in piazza: nasce il primo “Concert1no del Primo maggio” 0

Posted on aprile 28, 2014 by MoMo

MONDOVI’ in MOVIMENTO, con il patrocinio dei Sindacati CGIL, CISL e UIL e del Comune della Città di Mondovì è lieta di annunciare il “Concert1no del Primo Maggio”.
La prima manifestazione della città in occasione della Festa del Lavoro: di chi lavora e di chi un lavoro non ce l’ha o magari ce l’ha precario; un’occasione di onorare ciò che per anni ha nobilitato l’uomo, che ne è da sempre fonte di suo progresso, sociale e umano.

Saranno nove le ore di intrattenimento che terranno viva piazza Ellero nel rione Breo della città, dalle ore 15 alle 24. Come in tutti i migliori happening che si rispettano la parte centrale della manifestazione sarà dedicata alla musica: alcune delle più interessanti realtà musicali locali e della Provincia. Band ed artisti che parteciperanno e suoneranno prevalentemente musica inedita, a testimoniare che chi prende parte al progetto vuole usare parole proprie e non servirsi di quelle di altri.  Un giorno di suono e di suoni, di parole, cantate e sincopate, lette e recitate, di movimento e di movimenti. Nove band a contendersi il palco per 40 minuti ciascuno, dal rock al cantautorato, dall’elettronica al rap.

Ma anche un’occasione per parlare del lavoro, di quello con la L maiuscola, di quello che c’è e di quello che ancora manca, di quello che i nostri giovani sognano e di quello che con tanta fatica, tutti i giorni, chi non ce l’ha cerca di costruirselo o di inventarselo.
Il “Concert1no del Primo Maggio” non sarà solo un’occasione per alzare la voce, ma anche per dare voce, per fare sistema e mostrare che un Paese, così come una Città, sono il prodotto unico di tante teste, tante persone, una vicina all’altra; espressioni e culture magari differenti, ma accomunate dallo stesso spirito d’iniziativa.
Il “Concert1no del Primo Maggio” sarà un momento della Città e per la Città di Mondovì, ottenuto con il supporto di tutti, delle associazioni di categoria, dei commercianti e di coloro che hanno reso disponibile la manifestazione grazie alla campagna di raccolta fondi che ha dato origine ad un opuscolo distribuito un po’ dappertutto.

MONDOVI’ in MOVIMENTO ha lanciato la proposta e tanta gente ha accettato con grande disponibilità e partecipazione, affinché questa manifestazione potesse nascere.
Chi partecipa lo fa con quello spirito che emerge anche nella presentazione nella pagina dell’opuscolo: perché quest’anno il Primo Maggio – festa del Lavoro e dei Lavoratori – a Mondovì non finirà “nel solito modo”.

Condividi su Facebook

Elezioni Europee 2014: per la nomina degli scrutatori dare precedenza a disoccupati, cassaintegrati e lavoratori in mobilità 0

Posted on febbraio 15, 2014 by MoMo

Nel mese di maggio 2014 sono previste le Elezioni Europee e la Commissione Elettorale comunale dovrà nominare gli scrutatori che andranno a comporre ogni seggio presente in città. Per ogni scrutatore è previsto un compenso per l’esercizio delle funzioni previste come componente del seggio elettorale.

I Consiglieri comunali di MONDOVI’ in MOVIMENTOMagnino, Gambera e Tarolli – ritenuto che, pur trattandosi di un intervento una tantum, sia opportuno nominare come scrutatori quanti versino, a tutt’oggi, in condizioni lavorative di particolare disagio si raccomandano al Sindaco ed alla Commissione Elettorale Comunale affinché venga data precedenza a disoccupati, cassaintegrati e lavoratori in mobilità (iscritti nell’Albo delle persone idonee all’Ufficio di scrutatore di seggio elettorale del Comune di Mondovì) e che delle  modalità e delle certificazioni necessarie per avvalersi di tale possibilità sia data ampia e chiara comunicazione sul sito internet comunale e sui settimanali locali.

 

DOWNLOAD – Raccomandazione sulla nomina degli scrutatori per le Elezioni Europee 2014

 

Condividi su Facebook

Sì Pasta: tentare ogni strada per salvare lo stabilimento monregalese e l’occupazione 0

Posted on settembre 24, 2013 by MoMo

I Consiglieri Comunali Magnino, Gambera e Tarolli, del Gruppo consiliare di “MONDOVI in MOVIMENTO” hanno presentato il seguente Ordine del Giorno sulla situazione del pastificio ‘Sì Pasta srl’ di Mondovì, ex ‘Monte Regale srl’, già ‘Pastificio Gazzola’.

 

IL CONSIGLIO COMUNALE

 Premesso che

 –          Il 24 aprile 2013 è stato dichiarato fallito il pastificio ‘Monte Regale SRL’ dopo due tentativi di concordato preventivo andati a vuoto;
–          66 lavoratori del Pastificio ‘Monte Regale  SRL’ sono in mobilità dal mese di luglio, dopo mesi di cassa integrazione straordinaria. Le maestranze vantano diverse migliaia di euro di salari arretrati ed il trattamento di fine rapporto;
–          La società ‘SI PASTA s.r.l.’ aveva affittato il ramo d’azienda dal Pastificio ‘Monte Regale Srl’ assumendo 54 ex dipendenti;
–          A seguito del fallimento è stato scelto di risolvere il contratto d’affitto per la fine di settembre;
–          A fine settembre sembra chiudersi definitivamente la storia dell’ex ‘Pastificio Gazzola’, con la conseguenza che 120 persone di Mondovì, e del monregalese, perderanno il posto di lavoro.

 visto che

 –          la storia dell’ex ‘Pastificio Gazzola’ ha segnato, in modo significativo, la vita della nostra Città, contribuendo non solo ad un’importante crescita occupazione e sociale, ma anche a far conoscere Mondovì in Italia e nel Mondo.
–          negli ultimi anni il Comune di Mondovì, attraverso scelte di carattere urbanistico e come socio pubblico di riferimento nella sua società partecipata ‘MONDO ACQUA S.p.A’, ha sempre appoggiato i tentativi per mantenere in vita l’attività produttiva cercando di consentirne il rilancio.

considerato che

 –          la prospettiva per circa 120 lavoratori resta, dopo il licenziamento, quella della mobilità per 12, 24 o 36 mesi;
–          la difficile situazione economica, nazionale e locale, lascia intravedere poche possibilità per un’immediata e sollecita ricollocazione della forza lavoro (operai ed impiegati);

–          la percezione della gravità della situazione lascia rapidamente lo spazio alla muta rassegnazione delle persone coinvolte;

–          il Consiglio Comunale, che rappresenta la città intera, esprime la solidarietà ai lavoratori dello stabilimento di Mondovì.

IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA A

–          produrre e promuovere ogni sforzo utile affinchè il curatore fallimentare della ‘MONTE REGALE SRL’ possa esperire ogni azione volta a ricercare nuovi soggetti economici interessati ad investire nello stabilimento monregalese.

 

DOWNLOAD – O.d.G. sul pastificio “Sì Pasta srl” di Mondovì

 

Condividi su Facebook

Ordine del Giorno sul blocco della produzione presso lo stabilimento “Riva Acciaio” di Lesegno 0

Posted on settembre 24, 2013 by MoMo

I Consiglieri comunali Paolo Magnino, Giovanni Gambera e Stefano Tarolli, del gruppo consiliare di “MONDOVI in MOVIMENTO”, chiedono che venga posto in discussione in occasione del  prossimo Consiglio Comunale il seguente Ordine del Giorno sulla cessazione della produzione presso lo stabilimento ‘Riva Acciaio’ di Lesegno.

 

IL CONSIGLIO COMUNALE

 Premesso che

– Il Gruppo Riva, facente parte della holding siderurgica dell’Ilva, possiede in Italia 6 siti produttivi;
– a Lesegno (CN) opera uno stabilimento del Gruppo che occupa 256 dipendenti diretti, e circa altrettanti per l’indotto, residenti prevalentemente nei comuni del monregalese, del cebano e dell’entroterra ligure;
– lo stabilimento di Lesegno è uno dei siti di punta in Italia per la creazione di billette laminate, barre a caldo e tondi per cemento armato;

visto che

– la sede dell’Ilva di Taranto ha subito un sequestro da parte del Tribunale di Taranto a seguito di tre diverse perizie scientifiche che riscontrano che: “l’esposizione agli inquinanti emessi ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi che si traducono in malattie e morte”;
– dopo il recente sequestro da 916 milioni di euro effettuato dalla Guardia di Finanza di Taranto, nei giorni scorsi il Gruppo siderurgico ha annunciato la cessazione della produzione in tutti gli stabilimenti che non rientrano nel perimetro gestionale dell’Ilva, tra i quali il sito produttivo di Lesegno;
–  il provvedimento, che interessa complessivamente 1400 addetti, precisa che i lavoratori “saranno messi in libertà”;
–  i sindacati hanno immediatamente diffidato l’azienda invitandola a ricorrere all’utilizzo degli ammortizzatori sociali;
–  i lavoratori di Lesegno sono attualmente impegnati, da giovedì 12 settembre, data del blocco delle attività, in un sit-in permanente di protesta contro un provvedimento che getta nella disperazione centinaia di famiglie, sia dei dipendenti stessi che dei lavoratori dell’indotto, danneggiando gravemente anche le aziende che hanno nel Gruppo Riva il principale, se non unico, fornitore di materia prima.

 considerato che

1) nella nota diffusa dal Gruppo siderurgico si sottolinea come tali attività, non rientrando nel perimetro gestionale dell’Ilva, non hanno alcun legame con le vicende giudiziarie che hanno interessato lo stabilimento di Taranto;
2) occorre garantire il proseguimento dell’attività da parte dello stabilimento di Lesegno salvaguardando i livelli occupazionali per sostenere il tessuto socio-economico del monregalese e del cebano, già pesantemente provato dall’attuale congiuntura;
3) il Governo sta verificando la possibilità di estendere il commissariamento dell’Ilva di Taranto, Genova e Novi Ligure a tutti gli stabilimenti del Gruppo Riva in Italia;

 Tutto ciò premesso e ritenuto, Il Consiglio Comunale di Mondovì

ESPRIME

– la più profonda preoccupazione per la situazione lavorativa dei dipendenti dello stabilimento di Lesegno nonchè per tutti i lavoratori, direttamente ed indirettamente, coinvolti con la chiusura così improvvisa di un’importantissima realtà lavorativa

IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA A

a) trasmettere il presente ordine del giorno ai Comuni del Monregalese e del Cebano per una necessaria presa d’atto collettiva e comune di tutto il territorio a difesa del lavoro e dell’occupazione;
b) mantenere costante e continuativo il contatto con la Regione Piemonte, e con i parlamentari cuneesi di ogni schieramento politico, affinchè proseguano la moral suasion sul Governo per addivenire ad una soluzione che favorisca l’immediata ripresa dell’attività produttiva dello stabilimento di Lesegno.

 

DOWNLOAD – O.d.G. sul blocco della produzione presso lo stabilimento “Riva Acciaio” di Lesegno

 

Condividi su Facebook

Attivare subito un tavolo di lavoro sullo stabilimento monregalese della Valeo Spa 0

Posted on maggio 09, 2013 by MoMo

I Consiglieri comunali di MONDOVI’ in MOVIMENTO – Paolo Magnino, Giovanni Gambera e Stefano Tarolli – hanno presentato, lunedì 6 maggio, una “Raccomandazione” indirizzata al Sindaco di Mondovì, Stefano Viglione, riguardante lo stabilimento monregalese della multinazionale Valeo SpA.

L’azienda francese ha annunciato la volontà di investire nello stabilimento di Mondovì 17 milioni di euro ed il piano d’investimenti è stato presentato al Sindaco ed ai Presidenti della Giunta regionale e provinciale il giorno venerdì 3 maggio. La realizzazione di tale piano sembrerebbe “condizionata” alla riduzione dei costi del personale dello stabilimento di Mondovì, che attualmente occupa circa 500 dipendenti con contratti a tempo indeterminato ed assunzioni “interinali”. Ovviamente le richieste della proprietà si scontrano con le istanze dei lavoratori.
Il problema della mancanza di lavoro si pone nell’intera provincia di Cuneo con aumenti delle ore di cassa integrazione, delle dichiarazioni di fallimento e delle richieste di concordato. Nel primo trimestre del 2013 a Mondovì hanno chiuso 59 imprese, a Carrù 21, a Benevagienna 15, a Garessio 13.

I Consiglieri firmatari raccomandano il Sindaco di dar vita immediatamente ad un tavolo di lavoro che possa facilitare il confronto tra le organizzazioni sindacali ed i vertici della multinazionale responsabili dello stabilimento monregalese per consentire la realizzazione degli investimenti programmati, l’ottimizzazione e la razionalizzazione delle spese nel rispetto dei contratti di lavoro nazionali ed integrativi aziendali del personale garantendo un’equità di trattamento tra tutti i lavoratori.
Inoltre chiedono che tutti i Consiglieri comunali di Mondovì vengano costantemente aggiornati sull’evoluzione della trattativa.

 

DOWNLOAD – Raccomandazione stabilimento di Mondovì della Valeo SpA

 

Condividi su Facebook
  • Resoconto della raccolta fondi per il progetto "Borse Lavoro"



    MONDOVI' in MOVIMENTO verso...

    una Mondovì con più verde e meno supermercati, che tuteli il paesaggio e lo difenda da inutili cementificazioni e da uno sviluppo irrazionale

    una Mondovì capace di costruire opportunità di lavoro per tutti ed in particolare per le nuove generazioni

    una Mondovì che tuteli tutte le attività artigianali, commerciali, agricole e agroalimentari con particolare attenzione alle tipicità locali

    una Mondovì che scommetta sui giovani e sul loro entusiasmo, che li sappia coinvolgere attivamente nella vita cittadina e favorisca la nascita e lo sviluppo di associazioni, luoghi di aggregazione e di discussione

    una Mondovì che consideri prioritario il tema della scuola e che sostenga il mondo dello sport ad ogni livello

    una Mondovì che sappia valorizzare il suo patrimonio storico e culturale e la sua originale produzione artistica e letteraria

    una Mondovì che promuova la salute dei propri cittadini ed in particolare che sappia offrire un’assistenza adeguata alle persone anziane

    una Mondovì attenta ai bisogni delle persone, unita e solidale, dove chiunque possa sentirsi a casa

    una Mondovì capace di assumere un ruolo di riferimento per lo sviluppo di tutto il territorio monregalese

    una Mondovì nel mondo, attenta ai cambiamenti che avvengono nella società, al suo interno e al suo esterno, e che sappia esserne protagonista


    MONDOVI' in MOVIMENTO aderisce al FORUM nazionale



    Stats: 260 Posts, 61 Comments

  • Articoli recenti

  • Archivio



↑ Top