Insieme per una città veramente di tutti

Mondovì in Movimento



Proseguono le “Pietre Resistenti” di MONDOVI’ in MOVIMENTO 0

Posted on aprile 15, 2016 by MoMo

Gli abitanti di Carassone – e tutti i monregalesi interessati – sono invitati a ripulire l’incisione del nome dei loro avi o conoscenti morti in guerra

Prima e Dopo Piazza MaggioreImpercettibili macchie arancioni si muovevano rapide, giovedì pomeriggio, ai piedi della Chiesa della Missione in Piazza Maggiore. Erano i volontari di MONDOVI’ in MOVIMENTO, impegnati nell’iniziativa “Pietre Resistenti”, finalizzata a restaurare scritte, lapidi ed epigrafi della città, affinché i sacrifici, i ricordi e gli avvenimenti di un tempo non sbiadiscano negli anni ma si perpetrino, viceversa, di generazione in generazione.

Qui le armi vollero uccidere l’idea. Le armi caddero, l’idea rifece la patria” recita una delle scritte riportate alla luce e incisa in memoria dei quindici partigiani che tra il 1944 e il 1945 perirono sotto il fuoco nazifascista nel rione di Piazza. Tra loro Antonio Sciolla, Medaglia d’Argento al Valor Militare, caduto nei pressi della Caserma Galliano il 19 gennaio del 1944; Giuseppe Curti e Cesare Iemini, componenti della V° Divisione Alpi – Brigata Valcorsaglia, fucilati proprio al muro della Chiesa della Missione il 6 agosto del ’44; Domenico Arnera, Luigi Borini, Franco Leonardi, Domenico Penazzo, Giuseppe Regis, Giovanni Scotto, Alberto Tallone e Rocco Verdone, trucidati da soldati tedeschi per rappresaglia il 18 dicembre del 1944 in Via Vasco; Enrico Baudino, Luca Eula, Hans Wilke e Tommaso Tomatis, infine, colpiti dal fuoco tedesco ormai in ritirata il 28 aprile 1945 in Piazza d’Armi.

DSC_0017Un’iniziativa, quella di MONDOVI’ in MOVIMENTO dall’alto valore etico e morale, che si sposterà la prossima settimana a Carassone, per cominciare i lavori di pulitura anche sulla grande lapide posta nei giardinetti a fianco della Chiesa Parrocchiale.
In questo caso, viste le dimensioni dell’epigrafe, i tempi saranno ovviamente più lunghi – fa sapere il Presidente del movimento Gabriele Campora ma desideriamo fin d’ora invitare tutti i carassonesi, e non, ad unirsi a noi per riportare alla luce i nomi dei loro parenti, conoscenti o amici periti durante i due conflitti mondiali. Ogni singola lettera incisa richiede un’attenta pulitura prima di essere riverniciata e sarebbe bello che a farlo fossero gli stessi discendenti, o chi ha chiara memoria, dei concittadini caduti in guerra. Un gesto simbolico per non dimenticarli”.
Appuntamento allora per giovedì 21 aprile a Carassone a partire dalle 17.45.

             Gabriele Gallo
per MONDOVI’
in MOVIMENTO

 

Lapide Piazza Maggiore 2Lapide Piazza Maggiore 4

Lapide Piazza Maggiore 6Lapide Piazza Maggiore 8

Lapide Piazza Maggiore 1Lapide Piazza Maggiore 5

Condividi su Facebook

Con l’avvicinarsi del 25 aprile tornano le “Pietre Resistenti” 0

Posted on aprile 12, 2016 by MoMo

Iniziativa di pulizia e restauro dei marmi commemorativi dei caduti della Resistenza promossa da MONDOVI’ in MOVIMENTO in collaborazione con l’ANPI

Lapide Piazza MaggioreIn vista delle celebrazioni per il 25 Aprile, anniversario della liberazione dall’occupazione tedesca e dalla dittatura fascista, torna “Pietre Resistenti”, l’iniziativa di pulizia e restauro di cippi e lapidi in memoria dei caduti della Resistenza presenti nel territorio di Mondovì, promossa dal movimento civico monregalese MONDOVI’ in MOVIMENTO in collaborazione con l’ Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI).
Ogni cippo, targa, lapide ricorda persone che hanno dato la vita per un ideale; è un frammento di memoria che ha bisogno di una delicata attenzione per essere colta e ascoltata; è l’occasione per ricordare e ricostruire il nostro passato.

Si partirà con il restauro della lapide commemorativa affissa sul muro della balconata esterna della Chiesa della Missione a Piazza, per poi intervenire su quella presente nei giardinetti a fianco della Chiesa di Carassone, in ricordo degli abitanti del rione caduti durante le due guerre.
Il primo appuntamento per chi vorrà collaborare o semplicemente ricordare, ascoltando le eroiche e tristi storie dei nomi scolpiti sul marmo, è per
giovedì 14 aprile, alle 17.45, nei pressi della Chiesa della Missione in Piazza Maggiore.

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

Condividi su Facebook

Il progetto “Pietre Resistenti” chiude con il “Giro dei Cippi” di Mondovì 0

Posted on aprile 23, 2014 by MoMo

Stavano agli angoli di strade trafficate, lungo pareti ingombre di insegne luminose o perse in mezzo alla campagna, ormai parte del paesaggio e quindi insignificanti. Cippi e lapidi di marmo: è bastato un tocco provvisto di adeguata istruzione – bastava leggerle, quelle lapidi, e magari informarsi – perché un mezzo miracolo si compisse.

Quelle “Pietre Resistenti” (al tempo, alla muffa, alla dimenticanza) hanno ricominciato a parlare. Così, sotto la spugna e i leviganti di MONDOVI’ in MOVIMENTO, il diciassettenne Luca, con un fucile più grande di lui e un fiero fazzoletto azzurro degli Autonomi è tornato a cadere sotto i colpi rabbiosi dei tedeschi in fuga, nei giorni della Liberazione, a Piazza, davanti al cantiere del Polo Scolastico. Vicino a lui Hans, il disertore tedesco stufo della divisa da aguzzino e passato coi partigiani, ha ancora pagato il suo gesto sotto le baionette dei suoi ex-commilitoni.

Sotto il pennellino acuto e calmo del cabalinguista  Marco Roascio, la morte dei diciannovenni Ubaldo e Giovanni è stata ancora ricordata insieme (ossia, alla lettera,  “commemorata”), capitata in un giorno del ’44, lungo la strada per Gratteria, dopo avere portato via armi e munizioni dal campo d’aviazione. Sotto la cura dei volontari in maglietta arancione, con il patrocinio dell’ANPI, anche il marinaio partigiano Giovanni Vizio, sorpreso per la spiata di una donna di Breo in un bar di Corso Statuto, è stato ricordato, ferito e poi giustiziato sul marciapiede, all’età di diciannove anni. Basta sfiorarle, quelle lapidi, e scostare il velo del tempo: le storie tornano a risplendere, con il loro lume di dolore e di eroismo, e tutti noi ascoltiamo quelle vicende ancora una volta, dicendoci che, anche a distanza di anni, quelle storie ci riguardano e vanno tramandate. Sono stati ragazzi italiani, quelli, figli delle nostre terre, che hanno pagato con la vita la loro scelta di libertà, libertà che è adesso la nostra. Martedì 15 aprile i volontari di MONDOVI’ in MOVIMENTO hanno riacceso la storia di due giovani caduti il 12 aprile del ’44 in via Manelli, vicino alla cascina Balte, in zona Crist: si chiamavano Giacobbe e Pasquale. Sono stati l’ultima Pietra Resistente del progetto: compiuto in mezzo a tanti commenti positivi, per l’intelligenza e la buona volontà dimostrate.

MONDOVI’ in MOVIMENTO chiuderà il lavoro con un “Giro dei Cippi” della città, giovedì 24 aprile, da fare in tanti (tutta la cittadinanza è invitata!), con partenza alle 9,30 dal Municipio: camminata da fare magari con un fiore in mano, ed una bandiera dell’Italia liberata. Un prologo alla Commemorazione del 25 aprile del giorno successivo, anniversario della Liberazione. 

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

Condividi su Facebook
  • Resoconto della raccolta fondi per il progetto "Borse Lavoro"



    MONDOVI' in MOVIMENTO verso...

    una Mondovì con più verde e meno supermercati, che tuteli il paesaggio e lo difenda da inutili cementificazioni e da uno sviluppo irrazionale

    una Mondovì capace di costruire opportunità di lavoro per tutti ed in particolare per le nuove generazioni

    una Mondovì che tuteli tutte le attività artigianali, commerciali, agricole e agroalimentari con particolare attenzione alle tipicità locali

    una Mondovì che scommetta sui giovani e sul loro entusiasmo, che li sappia coinvolgere attivamente nella vita cittadina e favorisca la nascita e lo sviluppo di associazioni, luoghi di aggregazione e di discussione

    una Mondovì che consideri prioritario il tema della scuola e che sostenga il mondo dello sport ad ogni livello

    una Mondovì che sappia valorizzare il suo patrimonio storico e culturale e la sua originale produzione artistica e letteraria

    una Mondovì che promuova la salute dei propri cittadini ed in particolare che sappia offrire un’assistenza adeguata alle persone anziane

    una Mondovì attenta ai bisogni delle persone, unita e solidale, dove chiunque possa sentirsi a casa

    una Mondovì capace di assumere un ruolo di riferimento per lo sviluppo di tutto il territorio monregalese

    una Mondovì nel mondo, attenta ai cambiamenti che avvengono nella società, al suo interno e al suo esterno, e che sappia esserne protagonista


    MONDOVI' in MOVIMENTO aderisce al FORUM nazionale



    Stats: 260 Posts, 61 Comments

  • Articoli recenti

  • Archivio



↑ Top