Insieme per una città veramente di tutti

Mondovì in Movimento



Lo sai che un litro di olio vegetale smaltito negli scarichi domestici inquina 1.000 litri di acqua? 0

Posted on novembre 27, 2016 by MoMo

Un post al giorno… leva il rifiuto di torno!!!

contenitore-olio-esaustoLo sai che un litro di olio vegetale smaltito negli scarichi domestici inquina 1.000 litri di acqua?

A Mondovì ogni anno attraverso la raccolta degli oli esausti vegetali gestita dalla Cooperativa Sociale Proteo ogni anno vengono intercettati 3.800 litri di olio che evitano di inquinare 3.800.000 litri di acqua.
Se vuoi partecipare anche tu richiedi la tanica al numero verde di Proteo 800 300 524, l’ambiente ti ringrazierà.

 
#serr2016 #ewwr2016 #momo #proteocooperativa
 

Condividi su Facebook

Lo sai che a Mondovì grazie alla raccolta degli abiti usati gestita dalla Cooperativa Sociale Proteo vengono sottratte allo smaltimento e avviate a riuso e riciclo 75 tonnellate di materiale ogni anno? 0

Posted on novembre 26, 2016 by MoMo

Un post al giorno… leva il rifiuto di torno!!!

raccolta-indumentiLo sai che a Mondovì grazie alla raccolta degli abiti usati gestita dalla Cooperativa Sociale Proteo vengono sottratte allo smaltimento e avviate a riuso e riciclo 75 tonnellate di materiale ogni anno?

Cerca il contenitore giallo più vicino e contribuisci anche tu a incrementare la raccolta degli abiti usati.
 
#serr2016 #ewwr2016 #momo #proteocooperativa
 

Condividi su Facebook

Il Primo Maggio 2015 di MONDOVI’ in MOVIMENTO 0

Posted on maggio 06, 2015 by MoMo

Lavorare insieme… si può!

03 Primo MaggioIl “Lavoro 2.0”, messo al centro dell’attenzione del Primo Maggio di quest’anno da MONDOVI’ in MOVIMENTO – sinonimo di lavoro dei nuovi tempi, un po’ rilievo delle nuove tendenze, un po’ speranza e progetto – è un lavoro dai forti connotati etici: un lavoro che guarda all’ambiente, percorre le strade della cooperazione e della solidarietà, che coglie opportunità e si organizza per mettere insieme capacità e conoscenze. E’ un lavoro “local”: che trova risorse – per lo più di bellezza e di biodiversità – sul territorio e si ingegna per utilizzarle secondo il principio della condivisione.
Un Primo Maggio diverso, insomma, quest’anno: una festa in musica (e fin qui nulla di nuovo) preceduta però da un lungo pomeriggio presso il teatro Bertola, in cui far convenire chi potesse portare esperienze di un “lavoro 2.0” sbocciate nel nostro bel Basso Piemonte.

In un intenso Primo Atto, Cesare Morandini ha moderato una tavola rotonda su cinque esperienze di grande interesse. Il sindaco di Lisio, Marco Lombardi, e il vicesindaco di Viola Danilo Donetta – entrambi giovanissimi – hanno spiegato come possano due minuscoli comuni arroccati in quelle che un tempo venivano chiamate “terre marginali” mettere insieme le proprie energie per organizzare percorsi didattici e culturali centrati sulle bellezze artistiche e storiche, e così raccogliere finanziamenti europei. L’esperto in comunicazione Gabriele Gallo e il fotografo Simone Mondino hanno raccontato di come le diverse competenze professionali abbiano portato al progetto “Aups” (“Alpi” nei dialetti provenzali) per la valorizzazione delle nostre montagne, candidate all’Unesco come Patrimonio dell’Umanità.

05 Primo Maggio

Fabio Palladino da Dogliani ha raccontato come sia nato il progetto Terre Originali, con la collaborazione del Comizio Agrario di Mondovì: cascine non più attive, o terre non più coltivate che trovano giovani agricoltori provvisti di buone idee che se ne occupano, il tutto grazie ad una rete di relazioni e di sostegno. Idea ed energie già messe in campo da tempo da parte di Andrea Giaccardi (orto del Pian Bosco di Salmour), che indica la strada: agricoltura biologica, accorciamento della filiera con la vendita diretta, coinvolgimento delle persone nel consumo intelligente (ad esempio con i Gruppi di Acquisto Solidale), attività correlate. Davide Gasco spiega il ruolo del Comizio Agrario di Mondovì come centro di raccolta e smistamento di esigenze e risorse, punto di informazione e formazione.

Il lavoro diventa “2.0”, si diceva, con la condivisione. E’ questo il punto saliente dell’esperienza, fiorita attorno al Movimento dei Focolari, dell’AIPEC (Associazione Italiana Imprenditori Per un’Economia di Comunione). Il referente regionale, il monregalese Mauro Ventura, ne ha spiegato le basi, nel superamento dell’economia di tipo contrattuale, verso lo scambio come “incontro” vero tra persone, piccolo tassello iniziale per una società nuova ed unita. Livio Bertola, presidente nazionale, ha raccontato la storia della propria fabbrica in Bra, una sorta di famiglia “larga” dove i tradizionali rapporti tra proprietà e dipendenti paiono superati: nelle slides proiettate compaiono sorrisi, lunghe tavolate conviviali, un lavoro condiviso che motiva tutti, nel calore umano e nella solidarietà reciproca. Fabrizio Clerico, infine, presidente provinciale di Federsolidarietà (che raccoglie più di 70 cooperative sociali), ha parlato della cooperativa Proteo (impegnata nel lavoro ambientale), di cui è presidente. Dalle sue parole è emerso chiaro come il lavoro 2.0 sia anche quello che promuove la condizione lavorativa di persone che altrimenti sarebbero semplicemente assistite, o magari messe ai margini della società: il lavoro può davvero essere un grande veicolo di inclusione.

06 Primo MaggioIl Secondo Atto del convegno ha presentato le testimonianze di tre esperienze legate al lavoro inteso non come impiego presso le istituzioni o le aziende ma come possibilità più larghe di preparare il giovane ad orientarsi e scegliere la prima, con i Wwoof: acronimo anglosassone che significa “Opportunità del mondo intero nelle fattorie biologiche”. Mario Gala di Murazzano ha raccontato 10 anni di gestione della sua azienda casearia con i ragazzi che da diverse parti dell’Europa e del mondo arrivano in frazione Bruni per imparare ad allevare ovini e caprini e fare un formaggio tipico. In questa visione di scambio tra tempo e saperi, i giovani e non, di ogni stato, possono frequentare una fattoria selezionata e controllata da verifiche annuali dal Wwoof stesso. In cambio di vitto e alloggio apprendono le attività che caratterizzano la fattoria, dall’allevamento degli animali, alla produzione di formaggi tipici, alla coltivazione di orti biologici e trasformazione degli alimenti, alla coltivazione di prodotti tipici di quella terra. Anche la relazione di Silvia Manfredi ha portato l’attenzione su come l’aspetto di comunione e aggregazione sia uno strumento indispensabile per evitare la solitudine e la frammentazione che caratterizza il mondo del lavoro: lo YEPP che esiste in tutta Europa, favorisce l’aggregazione tra i giovani, collabora con le istituzioni pubbliche e il terzo settore, divenendo protagonista di progetti che sfociano poi in lavori scelti e pensati dagli stessi cittadini che conoscono il loro territorio. A conclusione l’ esperienza di Paolo Canavese, presentata da Attilio Ianniello, sul recupero di un antica razza bovina piemontese, destinata a sparire, raccontata in un libro “Quando i piemontesi preferivano le “bionde”…..”
I due Atti della tavola rotonda del 1° maggio e i vissuti raccontati hanno portato la nostra attenzione su un mondo vicino, così vicino da diventare ovvio e invisibile, spesso riscoperto grazie a chi arriva da lontano e col suo interesse ci induce a riscoprirlo, nella sua bellezza paesaggistica, nel suo valore artistico, nella sua forte potenzialità lavorativa.

07 Primo MaggioAnche il Terzo Atto ha riscontrato un notevole successo di pubblico. Molti infatti i giovani che hanno applaudito le quattro band presenti alla serata. I Norfolks, Niro, i 18 dicembre ed infine La teiera di Russel hanno dato vita ad una serata brillante dove si percepiva un vero affiatamento tra artisti e pubblico. Musica dal vivo con brani scritti ed interpretati da giovani monregalesi di talento che ci hanno regalato tre ore di energia e positività.
Agli organizzatori non resta che ringraziarli, insieme al trio “Quarantadue” ( Ilaria Ottonello, Paolo Rolfi e Greta Urani) che hanno fatto da contrappunto agli interventi della Tavola rotonda.
Grazie anche a tutti i relatori, per il loro contributo di idee ed esperienze, all’assessore Schellino per la sua partecipazione, a Davide Masera, segretario generale CGIL della provincia di Cuneo e Massimiliano Campana, segretario generale CISL della provincia di Cuneo per la loro presenza e sostegno all’iniziativa.
Un ringraziamento ancora al C.R.B. ACLI del Borgato nelle persone del presidente Carlo Taricco, Angelo Rossetti, Luciano Turco, Beppe Pagliano, Renato Dadone, i gestori Manuela e Marco Ravotto, per il patrocinio e per l’utilizzo delle loro strutture ed alla Parrocchia del Borgato per utilizzo del Cinema Teatro “Dino Bertola”.

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

Condividi su Facebook
  • Resoconto della raccolta fondi per il progetto "Borse Lavoro"



    MONDOVI' in MOVIMENTO verso...

    una Mondovì con più verde e meno supermercati, che tuteli il paesaggio e lo difenda da inutili cementificazioni e da uno sviluppo irrazionale

    una Mondovì capace di costruire opportunità di lavoro per tutti ed in particolare per le nuove generazioni

    una Mondovì che tuteli tutte le attività artigianali, commerciali, agricole e agroalimentari con particolare attenzione alle tipicità locali

    una Mondovì che scommetta sui giovani e sul loro entusiasmo, che li sappia coinvolgere attivamente nella vita cittadina e favorisca la nascita e lo sviluppo di associazioni, luoghi di aggregazione e di discussione

    una Mondovì che consideri prioritario il tema della scuola e che sostenga il mondo dello sport ad ogni livello

    una Mondovì che sappia valorizzare il suo patrimonio storico e culturale e la sua originale produzione artistica e letteraria

    una Mondovì che promuova la salute dei propri cittadini ed in particolare che sappia offrire un’assistenza adeguata alle persone anziane

    una Mondovì attenta ai bisogni delle persone, unita e solidale, dove chiunque possa sentirsi a casa

    una Mondovì capace di assumere un ruolo di riferimento per lo sviluppo di tutto il territorio monregalese

    una Mondovì nel mondo, attenta ai cambiamenti che avvengono nella società, al suo interno e al suo esterno, e che sappia esserne protagonista


    MONDOVI' in MOVIMENTO aderisce al FORUM nazionale



    Stats: 260 Posts, 61 Comments

  • Articoli recenti

  • Archivio



↑ Top