Insieme per una città veramente di tutti

Mondovì in Movimento


Archivio ‘2 – Appuntamenti’


Al via il lavoro di indagine e analisi su “Peccati di Gola” 0

Posted on gennaio 13, 2016 by MoMo

Venerdì 15 gennaio secondo incontro, aperto a tutti, in “Saletta Pozzo” del Bar Antico Borgo a Piazza

Peccati di Gola ingressoIl primo incontro del Gruppo di Lavoro che si occuperà di elaborare una nuova proposta sulla manifestazione enogastronomica monregalese “Peccati di Gola” ha visto la partecipazione di un gruppo variegato di persone disponibili a collaborare, in un clima positivo di condivisione e fiducia, per costruire proposte concrete da offrire alla propria città.

Nella prossima riunione, che si terrà venerdì 15 gennaio, alle ore 21.00, presso la Saletta Andrea Pozzo del Bar “Antico Borgo” a Mondovì Piazza, si entrerà nel dettaglio degli aspetti organizzativi del tavolo di lavoro definendo e affidando obiettivi chiari e specifici. Nel precedente incontro è stato infatti elaborato un breve crono-programma delle prime fasi di analisi della manifestazione con tutti i punti che dovranno essere approfonditi con ricerche, studi, confronti e interviste:
– la storia della manifestazione – dalle sue origini alle ultime edizioni – cercando di riscoprire lo spirito iniziale e come esso si è trasformato nel tempo;
– le varie location, le diverse organizzazioni, i risultati ottenuti, i costi sostenuti, etc.;
– il confronto con i risultati ottenuti nel tempo da simili manifestazioni limitrofe o da eventi di notevole successo che si svolgono anche più distanti da noi;
– la raccolta di valutazioni, giudizi, critiche, apprezzamenti sulle ultime edizioni da chi vi ha partecipato; da chi non è stato invece coinvolto o non ha voluto prendervi parte per scelta; dai cittadini visitatori e non; da associazioni e scuole, …
In questo importante lavoro di coinvolgimento e condivisione – che verrà portato avanti con diversi metodi (interviste dirette, social network, web, questionari on-line o da presentare nei gazebo del sabato mattina,…) – si acquisiranno anche proposte, idee, stimoli e suggerimenti per il futuro e le disponibilità da parte di chi vorrà essere in qualche modo coinvolto in una rinnovata edizione della manifestazione.

La partecipazione ai lavori è aperta a chiunque voglia contribuire con idee, proposte e collaborazione, mettendo a disposizione un po’ del proprio tempo libero.

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

Condividi su Facebook

Una proposta alternativa per “Peccati di Gola” 0

Posted on dicembre 24, 2015 by MoMo

Il Gruppo di Lavoro, aperto a tutti, si riunirà lunedì 28 dicembre, alle ore 21, presso la Sala Franco Centro della Stazione di Mondovì

peccati-di-gola-bigNell’ultima riunione del Consiglio Direttivo di MONDOVI’ in MOVIMENTO si è deciso di caldeggiare la proposta emersa durante la passata Assemblea pubblica del movimento: impegnare fin da subito i nascenti Gruppi di Lavoro su progetti ben precisi e definiti che possano portare a risultati tangibili e concreti nel giro di pochi mesi.

Il primo gruppo, che si occuperà delle tematiche legate allo sviluppo del territorio, ai prodotti tipici e al turismo, è già nato e si pone un preciso e ambizioso obiettivo: elaborare una proposta su un possibile modello organizzativo, alternativo all’attuale, della manifestazione enogastronomica monregalese “Peccati di Gola”. Si parte dalla raccolta di giudizi, consigli e proposte di chi da sempre è protagonista dell’evento ma si ascolteranno anche tutti quei monregalesi che vorranno contribuire a un’analisi concreta per verificare punti di forza e di debolezza della manifestazione, per arrivare poi all’elaborazione di un nuovo progetto organizzativo coinvolgendo gli enti, le associazioni e le scuole disponibili a collaborare.
Come è noto i Gruppi di Lavoro sono aperti a tutti coloro che vogliono dare il proprio contributo, anche piccolo. Seguendo la filosofia del movimento lavorano in pieno spirito di confronto e condivisione, promuovendo sempre la massima partecipazione alle decisioni prese.

Un secondo gruppo è pronto a partire, legato ai temi dell’ambiente, urbanistica e lavori pubblici. Si focalizzerà innanzi tutto sulla revisione del Piano Regolatore del Comune di Mondovì. Verranno seguite attentamente tutte le fasi dell’iter che porterà alla nascita del nuovo strumento urbanistico, con un approccio propositivo, mirato a contribuire a una discussione che si preannuncia complessa e delicata.
 
MONDOVI’ in MOVIMENTO
 

Condividi su Facebook

Riparte l’attività dei Gruppi di Lavoro di MONDOVI’ in MOVIMENTO 0

Posted on dicembre 04, 2015 by MoMo

Martedì scorso si è tenuta un’assemblea partecipata e costruttiva.  Mercoledì 16 dicembre aperitivo di fine anno aperto a tutti gli iscritti e simpatizzanti del movimento.

Assemblea 01.12.15

Affollata assemblea di MONDOVI’ in MOVIMENTO martedì scorso!
Una bella serata, caratterizzata da un confronto aperto e costruttivo con tante idee da raccogliere e ordinare, dove la passione è trasparsa evidente dai volti e dalle voci dei partecipanti, con la presenza di molte new entry che, per la prima volta, hanno accettato l’invito a partecipare alla riunione di un movimento che vuol esser sempre più a disposizione veramente di tutti.
Nel corso della serata è stato riaffermato il messaggio della piena natura civica del movimento, del suo essere una realtà autonoma ed indipendente che si propone ai cittadini monregalesi come luogo di confronto, analisi e proposta su temi e questioni riguardanti la città di Mondovì ed il suo territorio.
Si è discusso in modo approfondito dei Gruppi di Lavoro, le cui attività partiranno a breve e che sono aperti a tutti i cittadini monregalesi che vogliono dare il loro contributo, anche piccolo e saltuario, segnalando la propria disponibilità all’indirizzo info@mondovinmovimento.it.
I temi dei tavoli d lavoro sono ampi e interconnessi tra loro:
• Urbanistica , Ambiente e Lavori Pubblici
• Cultura, Sanità, Sociale, Integrazione
• Lavoro, Commercio, Artigianato
• Agricoltura, Sviluppo del territorio, Prodotti tipici, Turismo

Molte le idee e proposte emerse nel corso del dibattito, in un collettivo brain storming, che il Direttivo si è impegnato a elaborare nei giorni a venire, per poter avanzare proposte esecutive durante la prossima riunione del movimento. Uno degli spunti più apprezzati è stato sicuramente quello di organizzare gruppi territoriali che vadano a farsi interpreti e promotori degli interessi dei cittadini dei principali rioni di Mondovì, affiancando i gruppi di lavoro tematici impegnati nei tavoli di approfondimento.
Iscritti e simpatizzanti di MONDOVI’ in MOVIMENTO sono invitati all’Aperitivo di fine anno che si terrà mercoledì 16 dicembre, alle ore 18.30, presso il Bar del Corso di fronte al Comune di Mondovì. Gradita conferma al suindicato indirizzo di posta elettronica.

 

 

Condividi su Facebook

MONDOVI’ in MOVIMENTO sostiene pienamente la manifestazione organizzata dalla comunità musulmana monregalese 0

Posted on novembre 19, 2015 by MoMo

Tutti gli iscritti e simpatizzanti del movimento sono invitati a partecipare alla manifestazione “Uniti per la pace” di sabato pomeriggio

Uniti per la paceSabato 21 novembre, dalle ore 15.30, davanti al Comune di Mondovì, si terrà la manifestazione “Uniti per la pace” organizzata dalla comunità musulmana monregalese, a seguito dei recenti attentati di Parigi, per dire NO al terrorismo e alla violenza e SI alla pace, alla fraternità e al dialogo.
MONDOVI’ in MOVIMENTO aderisce e sostiene pienamente l’iniziativa ed invita tutti gli iscritti e simpatizzanti a partecipare alla manifestazione.

Il Presidente della Moschea di Via Asti, Hakim El Gallati, scrive sulla bacheca dell’evento Facebook:
“L’Associazione islamica del monregalese condanna con la più grande forza le violenza perpetrate venerdi 13 novembre 2015 a Parigi. Questi atti disumani nei confronti di vittime innocenti sono un attentato contro l’umanità. Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze e il nostro sostegno alle famiglie delle vittime. Di fronte a questa serie di tragedie che colpisce tutta la nostra società insistiamo ancora una volta : No alla Violenza, No agli estremismi, No al ripiegamento su se stessi, No alla manipolazione.”

Sono invitati a partecipare tutte le musulmane e i musulmani, le associazioni religiose e laiche, le autorità civili e tutti i cittadini monregalesi. Interverranno l’Imam della comunità islamica monregalese, il parroco dell’Alma di Frabosa Sottana Don Gianni Martino, un rappresentante del Comune e uno dell’associazione MondoQui.

 

Condividi su Facebook

Gabriele Campora eletto Presidente di MONDOVI’ in MOVIMENTO 0

Posted on novembre 11, 2015 by MoMo

In squadra con Michele Odenato (Segretario) e Maria Cristina Gasco (Tesoriere)

1 - Gabriele Campora

Gabriele Campora

Lunedì sera si è riunito il nuovo Consiglio Direttivo di MONDOVI’ in MOVIMENTO, in carica dallo scorso 6 novembre, che nella sua prima riunione ha eletto tra i suoi componenti Gabriele Campora nel ruolo di Presidente.
A Michele Odenato spetta invece l’incarico di Segretario del movimento, mentre a Maria Cristina Gasco quello di Tesoriere.
Con gli altri due Consiglieri – Erika Chiecchio e Claudio Boasso – si occuperanno di guidare e gestire il movimento civico monregalese per i prossimi tre anni e quindi anche attraverso le elezioni amministrative del 2017 per la scelta del nuovo Sindaco di Mondovì.

Tra i primi provvedimenti, il rilancio dei “Gruppi di Lavoro”. E’ stato deciso di riprendere il lavoro dei gruppi tematici, molto attivi prima della scorsa tornata elettorale. Quattro tavoli aperti a chiunque voglia dare il proprio contributo ed incentrati sui seguenti argomenti:
o Urbanistica, Ambiente e Lavori Pubblici
o Cultura, Sanità, Sociale, Integrazione
o Lavoro, Commercio, Artigianato
o Agricoltura, Sviluppo del Territorio, Prodotti Tipici, Turismo

Ogni Gruppo di Lavoro avrà il compito di approfondire i propri temi in relazione al contesto della città di Mondovì con lo scopo di dar vita ad un’iniziativa pubblica di presentazione dei risultati per la primavera 2016. Per partecipare all’attività dei Gruppi di Lavoro è sufficiente segnalare la propria disponibilità all’indirizzo mail info@mondovinmovimento.it o prendere parte alla prossima Assemblea pubblica del movimento.
Si è inoltre deciso di organizzare una serie di incontri del Consiglio Direttivo con le principali associazioni di categoria economiche e sociali e con i soggetti politici del panorama monregalese, nell’ottica di un percorso di avvicinamento alle Elezioni amministrative del 2017.

Il Consiglio Direttivo ha infine stabilito di convocare la prossima Assemblea pubblica di MONDOVI’ in MOVIMENTO per lunedì 30 novembre, aperta a chiunque voglia dare il suo prezioso contributo.

 

Condividi su Facebook

MONDOVI’ in MOVIMENTO rinnova il Consiglio Direttivo 0

Posted on novembre 05, 2015 by MoMo

Assemblea elettiva in Sala delle Conferenze, dalle ore 21 di venerdì 6 novembre

Assemblea Neo DirettivoIl movimento civico monregalese MONDOVI’ in MOVIMENTO è chiamato al rinnovo del proprio Consiglio Direttivo – che a sua volta nominerà al suo interno il futuro Presidente – durante l’Assemblea pubblica che si terrà venerdì 6 novembre, alle ore 21.00, presso la Sala delle Conferenze in Corso Statuto a Mondovì.
Il Direttivo rimarrà in carica per i prossimi tre anni e avrà quindi anche l’importante incarico di traghettare la maggior forza politica di opposizione a Mondovì – con i tre Consiglieri comunali Magnino, Gambera e Tarolli – verso le elezioni amministrative del 2017 che decreteranno il futuro sindaco monregalese.
Ogni cittadino potrà partecipare alle elezioni mettendosi in regola con l’adesione al Movimento per l’anno 2015. Sarà possibile tesserarsi fino alle ore 21.45 del giorno dell’Assemblea con il versamento della quota associativa di 10,00€ (5,00€ per studenti e per chi si trova in particolari difficoltà lavorative). La presentazione delle candidature al Consiglio Direttivo sarà invece possibile fino alle ore 22.00, quando prenderanno il via le votazioni.
Al Consiglio Direttivo ad alla Presidente uscente, Chiara Mondino, vanno i ringraziamenti per l’impegno profuso.

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

Condividi su Facebook

MONDOVI’ in MOVIMENTO aderisce a “Let’s clean up Europe” 0

Posted on maggio 06, 2015 by MoMo

Appuntamento sabato 9 maggio, alle ore 9.30, presso i giardini di Via della Cornice, per un’azione di raccolta e pulizia straordinaria organizzata dal Comune di Mondovì.

CleanEUIl Commissario Europeo all’Ambiente Janez Potocnik ha lanciato la campagna “Let’s Clean Up Europe” (www.ewwr.eu/lets-clean-up-europe): lotta contro il littering e l’abbandono di rifiuti. L’azione principale consiste nell’organizzazione del primo European Clean Up Day, giornata di recupero dei rifiuti abbandonati, che si terrà il 10 maggio in tutta Europa. L’iniziativa, alla prima edizione assoluta, ha l’adesione di 28 stati, inclusi alcuni paesi extra europei.
L’Italia aderisce con il Ministero dell’Ambiente e il comitato italiano che organizza la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti da ormai 4 anni di cui fanno parte lo stesso Ministero dell’Ambiente, Federambiente, Provincia di Roma, Provincia di Torino, R21 Network, Legambiente con la segreteria organizzativa di AICA (Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale) e l’UNESCO come invitato permanente.
Il Comune di Mondovì aderisce all’iniziativa e lancia un invito rivolto a tutti i cittadini per un’azione di raccolta e pulizia straordinaria che si terrà sabato 9 maggio.

MONDOVI’ in MOVIMENTO ha già promosso numerose azioni di questo tipo , in diverse parti della città, perché l’attenzione attiva all’ambiente fa parte dei nostri principi e quindi risponde con convinzione e fattivamente all’invito del Comune.
Saranno presenti i Consiglieri di MONDOVI’ in MOVIMENTO e contiamo sulla presenza di tutti perché… INSIEME SI PUO’!
L’appuntamento è quindi per sabato 9 maggio, alle ore 9.30, presso i giardini di Via della Cornice.
Importante non dimenticare di portare un paio di guanti da lavoro e… l’immancabile maglietta arancione di MONDOVI’ in MOVIMENTO.

Condividi su Facebook

Il Primo Maggio 2015 di MONDOVI’ in MOVIMENTO 0

Posted on maggio 06, 2015 by MoMo

Lavorare insieme… si può!

03 Primo MaggioIl “Lavoro 2.0”, messo al centro dell’attenzione del Primo Maggio di quest’anno da MONDOVI’ in MOVIMENTO – sinonimo di lavoro dei nuovi tempi, un po’ rilievo delle nuove tendenze, un po’ speranza e progetto – è un lavoro dai forti connotati etici: un lavoro che guarda all’ambiente, percorre le strade della cooperazione e della solidarietà, che coglie opportunità e si organizza per mettere insieme capacità e conoscenze. E’ un lavoro “local”: che trova risorse – per lo più di bellezza e di biodiversità – sul territorio e si ingegna per utilizzarle secondo il principio della condivisione.
Un Primo Maggio diverso, insomma, quest’anno: una festa in musica (e fin qui nulla di nuovo) preceduta però da un lungo pomeriggio presso il teatro Bertola, in cui far convenire chi potesse portare esperienze di un “lavoro 2.0” sbocciate nel nostro bel Basso Piemonte.

In un intenso Primo Atto, Cesare Morandini ha moderato una tavola rotonda su cinque esperienze di grande interesse. Il sindaco di Lisio, Marco Lombardi, e il vicesindaco di Viola Danilo Donetta – entrambi giovanissimi – hanno spiegato come possano due minuscoli comuni arroccati in quelle che un tempo venivano chiamate “terre marginali” mettere insieme le proprie energie per organizzare percorsi didattici e culturali centrati sulle bellezze artistiche e storiche, e così raccogliere finanziamenti europei. L’esperto in comunicazione Gabriele Gallo e il fotografo Simone Mondino hanno raccontato di come le diverse competenze professionali abbiano portato al progetto “Aups” (“Alpi” nei dialetti provenzali) per la valorizzazione delle nostre montagne, candidate all’Unesco come Patrimonio dell’Umanità.

05 Primo Maggio

Fabio Palladino da Dogliani ha raccontato come sia nato il progetto Terre Originali, con la collaborazione del Comizio Agrario di Mondovì: cascine non più attive, o terre non più coltivate che trovano giovani agricoltori provvisti di buone idee che se ne occupano, il tutto grazie ad una rete di relazioni e di sostegno. Idea ed energie già messe in campo da tempo da parte di Andrea Giaccardi (orto del Pian Bosco di Salmour), che indica la strada: agricoltura biologica, accorciamento della filiera con la vendita diretta, coinvolgimento delle persone nel consumo intelligente (ad esempio con i Gruppi di Acquisto Solidale), attività correlate. Davide Gasco spiega il ruolo del Comizio Agrario di Mondovì come centro di raccolta e smistamento di esigenze e risorse, punto di informazione e formazione.

Il lavoro diventa “2.0”, si diceva, con la condivisione. E’ questo il punto saliente dell’esperienza, fiorita attorno al Movimento dei Focolari, dell’AIPEC (Associazione Italiana Imprenditori Per un’Economia di Comunione). Il referente regionale, il monregalese Mauro Ventura, ne ha spiegato le basi, nel superamento dell’economia di tipo contrattuale, verso lo scambio come “incontro” vero tra persone, piccolo tassello iniziale per una società nuova ed unita. Livio Bertola, presidente nazionale, ha raccontato la storia della propria fabbrica in Bra, una sorta di famiglia “larga” dove i tradizionali rapporti tra proprietà e dipendenti paiono superati: nelle slides proiettate compaiono sorrisi, lunghe tavolate conviviali, un lavoro condiviso che motiva tutti, nel calore umano e nella solidarietà reciproca. Fabrizio Clerico, infine, presidente provinciale di Federsolidarietà (che raccoglie più di 70 cooperative sociali), ha parlato della cooperativa Proteo (impegnata nel lavoro ambientale), di cui è presidente. Dalle sue parole è emerso chiaro come il lavoro 2.0 sia anche quello che promuove la condizione lavorativa di persone che altrimenti sarebbero semplicemente assistite, o magari messe ai margini della società: il lavoro può davvero essere un grande veicolo di inclusione.

06 Primo MaggioIl Secondo Atto del convegno ha presentato le testimonianze di tre esperienze legate al lavoro inteso non come impiego presso le istituzioni o le aziende ma come possibilità più larghe di preparare il giovane ad orientarsi e scegliere la prima, con i Wwoof: acronimo anglosassone che significa “Opportunità del mondo intero nelle fattorie biologiche”. Mario Gala di Murazzano ha raccontato 10 anni di gestione della sua azienda casearia con i ragazzi che da diverse parti dell’Europa e del mondo arrivano in frazione Bruni per imparare ad allevare ovini e caprini e fare un formaggio tipico. In questa visione di scambio tra tempo e saperi, i giovani e non, di ogni stato, possono frequentare una fattoria selezionata e controllata da verifiche annuali dal Wwoof stesso. In cambio di vitto e alloggio apprendono le attività che caratterizzano la fattoria, dall’allevamento degli animali, alla produzione di formaggi tipici, alla coltivazione di orti biologici e trasformazione degli alimenti, alla coltivazione di prodotti tipici di quella terra. Anche la relazione di Silvia Manfredi ha portato l’attenzione su come l’aspetto di comunione e aggregazione sia uno strumento indispensabile per evitare la solitudine e la frammentazione che caratterizza il mondo del lavoro: lo YEPP che esiste in tutta Europa, favorisce l’aggregazione tra i giovani, collabora con le istituzioni pubbliche e il terzo settore, divenendo protagonista di progetti che sfociano poi in lavori scelti e pensati dagli stessi cittadini che conoscono il loro territorio. A conclusione l’ esperienza di Paolo Canavese, presentata da Attilio Ianniello, sul recupero di un antica razza bovina piemontese, destinata a sparire, raccontata in un libro “Quando i piemontesi preferivano le “bionde”…..”
I due Atti della tavola rotonda del 1° maggio e i vissuti raccontati hanno portato la nostra attenzione su un mondo vicino, così vicino da diventare ovvio e invisibile, spesso riscoperto grazie a chi arriva da lontano e col suo interesse ci induce a riscoprirlo, nella sua bellezza paesaggistica, nel suo valore artistico, nella sua forte potenzialità lavorativa.

07 Primo MaggioAnche il Terzo Atto ha riscontrato un notevole successo di pubblico. Molti infatti i giovani che hanno applaudito le quattro band presenti alla serata. I Norfolks, Niro, i 18 dicembre ed infine La teiera di Russel hanno dato vita ad una serata brillante dove si percepiva un vero affiatamento tra artisti e pubblico. Musica dal vivo con brani scritti ed interpretati da giovani monregalesi di talento che ci hanno regalato tre ore di energia e positività.
Agli organizzatori non resta che ringraziarli, insieme al trio “Quarantadue” ( Ilaria Ottonello, Paolo Rolfi e Greta Urani) che hanno fatto da contrappunto agli interventi della Tavola rotonda.
Grazie anche a tutti i relatori, per il loro contributo di idee ed esperienze, all’assessore Schellino per la sua partecipazione, a Davide Masera, segretario generale CGIL della provincia di Cuneo e Massimiliano Campana, segretario generale CISL della provincia di Cuneo per la loro presenza e sostegno all’iniziativa.
Un ringraziamento ancora al C.R.B. ACLI del Borgato nelle persone del presidente Carlo Taricco, Angelo Rossetti, Luciano Turco, Beppe Pagliano, Renato Dadone, i gestori Manuela e Marco Ravotto, per il patrocinio e per l’utilizzo delle loro strutture ed alla Parrocchia del Borgato per utilizzo del Cinema Teatro “Dino Bertola”.

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

Condividi su Facebook

A Mondovì va in scena il Primo Maggio! 0

Posted on aprile 28, 2015 by MoMo

MONDOVI’ in MOVIMENTO porta al Teatro Bertola “Lavoro 2.0 – Per una nuova etica del Lavoro”. E la sera al CRB l’immancabile Concert1no!!!

A3_TEMPLATE_MoMo_manifesto2015Il Primo Maggio monregalese quest’anno si tinge di un’insolita e innovativa interdisciplinarità: non solo musica e balli, infatti, ma anche un confronto serio e costruttivo su una nuova etica del lavoro da radicare anche nel tessuto locale.
Su il sipario alle ore 17 circa presso i locali del Teatro Bertola per il Primo Atto: l’ex Presidente di MONDOVI’ in MOVIMENTO, Cesare Morandini, condurrà una variegata tavola rotonda alla quale siederanno giovani amministratori locali, intraprendenti professionisti, contadini originali e nuovi imprenditori, impegnati nella realizzazione di un’economia di comunione e di inclusione sociale.
Gli intermezzi musicali del trio Quarantadue (Ilaria Ottonello, Paolo Rolfi e Greta Urani) lasceranno poi spazio a poster, video e slide per un Secondo Atto all’insegna delle esperienze lavorative più singolari: dalle fattorie biologiche al co-working in ambito commerciale, dall’allevamento bovino alla mutua autogestione. Presenti in tal senso anche Massimiliano Campana e Davide Masera, Segretari Generali CISL e CGIL della Provincia di Cuneo, sostenitori dell’iniziativa.

Dalle 20.30 nel vicino Circolo Ricreativo del Borgato, infine, l’esibizione di quattro giovani band monregalesi:
18 dicembre   –   Norfolks   –   Niro   –   La teiera di Russel.
Una giornata particolarmente intensa, patrocinata dal Comune di Mondovì e dal Circolo Ricreativo del Borgato e resa possibile dall’entusiasmo dei volontari di MONDOVI’ in MOVIMENTO, dalla collaborazione del Comizio Agrario di Mondovì e dalla sponsorizzazione di Gastaldi Assicurazioni. Una manifestazione dal format inedito, insomma, perfettamente in linea con un’ottica lavorativa da 2.0!

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

A4_TEMPLATE_MoMo_programma2015-2

 

 

Condividi su Facebook

Venerdì 5 dicembre, ore 21, Assemblea pubblica di MONDOVI’ in MOVIMENTO 0

Posted on dicembre 04, 2014 by MoMo

Riferimenti MoMo logovideoCon la presentazione del Documento di analisi sulla Revisione Generale al Piano Regolatore.

Venerdì 2 dicembre, alle ore 21.00, presso la sala “Prima Classe” della Stazione FS di Mondovì, in Piazza Franco Centro, si terrà l’assemblea pubblica di MONDOVI’ in MOVIMENTO, aperta a tutti i concittadini.
Durante la serata il Consigliere comunale Stefano Tarolli presenterà i punti salienti del “Documento di analisi di MONDOVI’ in MOVIMENTO sulla Revisione Generale al Piano Regolatore”, elaborato nell’ambito dello specifico Tavolo di Lavoro istituito dall’Amministrazione comunale.
Si parlerà inoltre del più che soddisfacente risultato ottenuto grazie alle Borse Lavoro organizzate dal Movimento – che hanno portato al successivo impiego dei due beneficiari presso aziende locali – e sarà dato avvio ad una nuova raccolta fondi per lo stesso scopo.
Infine verranno presentate le principali attività svolte dal Movimento durante il 2014.

Nel corso dell’Assemblea sarà possibile aderire al Movimento per l’anno 2015 e fare donazioni in memoria del compianto amico Davide Ghirardi destinate alla creazione di due orti in Africa a lui dedicati. Davide era l’anima delle attività di Educazione di Slow Food e tra i promotori del progetto “Orto in condotta“.
Chi fosse impossibilitato a partecipare all’Assemblea può effettuare un bonifico sul conto corrente di MONDOVI’ in MOVIMENTO con le seguenti caratteristiche:
IBAN: IT50E 03069 67684 510725932905
Causale: Orti di Davide
oppure scrivere a info@mondovinmovimento.it o telefonare per accordarsi su eventuali altre forme di versamento (Erika 3394415543Gabriele 3475315418).
Entro fine anno, i fondi raccolti verranno versati in unica soluzione sul conto della condotta Slow Food Monregalese che li inolterà a Slow Food Italia per gli Orti di Davide.

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA PUBBLICA:

1- Presentazione del “Documento di analisi di MONDOVI’ in MOVIMENTO sulla Revisione Generale al Piano Regolatore”.

2- Proposte di divulgazione dei contenuti più importanti del Documento.

3- Costituzione del gruppo di lavoro “Urbanistica” che si dovrà principalmente occupare di seguire l’iter per l’approvazione della Revisione Generale al P.R.G..

4- Resoconto prime “Borse Lavoro” e riattivazione nuova raccolta fondi.

5 – “Marmi monregalesi” e “Pietre Resistenti”: resoconto restauri effettuati. Modalità e tempistica per i prossimi interventi, anche in previsione dei 70 anni della Festa della Liberazione.

6 – Campagna Tesseramento 2015 a MONDOVI’ in MOVIMENTO.

7 – Varie ed eventuali.

 

Condividi su Facebook

Ultima escursione di “A piedi… liberi” nelle Langhe 0

Posted on settembre 09, 2014 by MoMo

Domenica 14 settembre ultimo appuntamento con l’iniziativa “A piedi… liberi”, una serie di escursioni in luoghi significativi della Resistenza nelle nostre zone, organizzata dall’ANPI di Mondovì in collaborazione con Libera, MondoQui e MONDOVI’ in MOVIMENTO.
Dopo aver “esplorato” le Valli monregalesi (a luglio sulla Tura e ad agosto alla cappella di San Marco in Val Maudagna),ora tocca alle Langhe, dove i partigiani occuparono vaste aree per lughi mesi e resistettero a durissimi rastrellamenti.
Il percorso scelto è un sentiero tra Somano e Bossolasco, con sosta al Centro rete di fraz. Garombo.

Il ritrovo è davanti alla Stazione di Mondovì alle ore 9:00 (dove si condivideranno i posti in auto) o, per chi vuole, direttamente sulla piazza di Somano alle 9:45.
Da Somano, su un ripido sentiero nel bosco, si arriva al Centro-rete di Garombo (ma ci si può arrivare anche in auto). Si tratta di un monumento-rifugio nato con l’esplicito fine di divenire luogo di memoria degli eventi che si svolsero tra la Langa e la Pianura, ma anche centro-studi e sede di una mostra permanente sulla Resistenza e nodo di una rete di sentieri partigiani.
A Garombo si farà tappa, e Graziella Altare, figlia di Carlo Altare, partigiano delle Formazioni Garibaldine dell’ISLAFRAN (formate da italiani, slavi e francesi), racconterà la storia di quella Formazione, che operò in zona a fianco della banda “Monte Bram” di Giustizia e Libertà.
Dal Garombo, su un sentiero più facile e passando per il campo di lancio, ci si sposterà al Colle della Resistenza di Bossolasco, fornito di un’area attrezzata dove consumare il pranzo (al sacco).
La camminata dura circa 2 ore.
Per il ritorno ci si organizzerà per recuperare le auto a Somano.

Info: 349 5372854 (Rosa Pesa) oppure 346 0590336 (Daniela Oggerino).

 

Condividi su Facebook

Domenica 31 agosto, torna “A piedi… liberi”, passeggiate su itinerari “partigiani” 0

Posted on agosto 25, 2014 by MoMo

Dopo il successo della prima escursione, a luglio, alla grotta sulla Tura, domenica 31 agosto, torna “A piedi… liberi”, passeggiate su itinerari “partigiani”, in luoghi che furono significativi per la Resistenza nelle nostre zone.
Ci si troverà a Baracco, in val Ellero, alle ore 9,30 e si camminerà in gruppo fino alla cappella di San Marco al Pellone, dove il 14 gennaio 1944 furono trucidati partigiani e civili, sorpresi dai tedeschi. Anche questa volta alla partenza e alla mèta saranno raccontate le vicende legate alla guerra di Liberazione nazionale avvenute sui luoghi dell’escursione.
Appuntamento anche davanti alla Stazione di Mondovì alle ore 9.00 per sfruttare al meglio i posti in auto fino a Baracco.
L’iniziativa è organizzata da ANPI, Libera, MondoQui e MONDOVI’ in MOVIMENTO.
Il terzo ed ultimo itinerario, il 14 settembre, porterà nelle Langhe, con passeggiata tra Somano e Bonvicino. Gli itinerari sono tutti inferiori alle due ore di cammino e occorre portarsi il pranzo al sacco.
Info: 339 3178646 (Mauro Pettini) oppure 346 0590336 (Daniela Oggerino).

 

A seguire un brano tratto dal libro “Il Prete dei ribelli” in cui è narrato il massacro della cappella di San Marco al Pellone:

“In quella settimana, don Beppe ricevette una dolorosa nuova: in Val Maudagna avevano ucciso molti patrioti e civili. Prese il tramvai alla Succursale, salì al Pellone.
Lassù trovò un gelo bruciante, e i corpi insanguinati dei ribelli distesi sul pavimento della cappella coperto di sangue.
Era una cosa che spaccava il cuore mettere nelle bare quella gioventù. Con le carni violentate dalle ferite e dal sangue, con le facce troppo bianche come fossero di cera, oppure grigie. Li spinse dentro le bare, tra i singhiozzi alti delle donne, spezzando quelle gambe e quelle braccia che erano diventate rigide per la morte e per il gelo.
Don Beppe metteva fuori la voce a monosillabi, aveva la fronte corrugata, gli occhi lucidi. Volle prendere alcune fotografie. C’erano ancora per terra, davanti alla cappella, le scodelle bianche con i cucchiai di ferro: una aveva un fondo di minestra ghiacciata.
Gli raccontarono che il 14 (gennaio 1944), era il venerdì, erano arrivati a Miroglio dei tedeschi con alla testa il podestà di Pianfei, Carlo Bongioanni, armato fino ai denti. Costui era famoso in giro perché era un fascista fanatico e crudele. Era sempre accompagnato dalla sua squadra di neri. I militi avevano dei gladi di alluminio sulle mostrine fatte come fiamme nere.
C’era silenzio in valle, la neve pareva aver spento ogni suono. I tedeschi e i fascisti arrivarono d’improvviso al Pellone passando anche dalla selletta che la divide dalla Valle Ellero, e poi da Frabosa Sottana e da Soprana; i ribelli del Pellone stavano mangiando e cianciando con voce tranquilla, seduti davanti alla cappella. Cinque di loro furono agguantati e poi fucilati davanti alla cappella, con una mitragliatrice, alla distanza di pochi passi; alcuni erano riusciti a fuggire e a nascondersi nelle baite e nelle case. Li inseguirono, uccisero degli uomini e dei giovani della frazione, incendiarono le case; vapori nauseabondi si alzavano nell’aria.”

(A.Morandini, Il Prete dei ribelli, CEM 2011)

 

Condividi su Facebook

Sabato mattina “Giornata ecologica” nel rione di Piazza in vista della 46° Mostra dell’Artigianato 0

Posted on agosto 07, 2014 by MoMo

Appuntamento alle ore 9.00 di sabato 9 agosto, in Piazza Maggiore, per una nuova “Giornata ecologica” organizzata da MONDOVI’ in MOVIMENTO in collaborazione con gli Amici di Piazza.

Ci occuperemo di ripulire le vie, i parcheggi e i giardini di Piazza, per contribuire ad avere un rione degno dei molti visitatori che arriveranno per la 46° Mostra dell’Artigianato.

Basta armarsi di guanti, scarpe comode, abbigliamento adatto, con qualcosa di colorato per essere ben visibili (va bene anche avere il  giubbotto di emergenza che abbiamo nelle nostre auto) e tanta buona volontà!!!

Abbiamo già i sacchi per la raccolta differenziata e tutto l’occorrente per ripulire.
Ci vediamo sabato mattina, non mancate!

 

Condividi su Facebook

Domenica 27 luglio, camminata alla grotta dei partigiani sulla Tura 0

Posted on luglio 23, 2014 by MoMo

Per otto giorni, da sabato 16 dicembre 1944 fino all’antivigilia di Natale, un gruppo di partigiani del distaccamento della Tura restò accanto al compagno Beppe Milano, ammalato gravemente, trovando rifugio in una grotta sulle pendici di cima Durand. Era in corso il terribile rastrellamento nazifascista, iniziato l’11 dicembre.

Per quegli uomini, appartenenti alla III Divisione autonoma Alpi, la decisione di non sganciarsi dalla formazione e mettersi in salvo in pianura fu una decisione volontaria, dettata dallo spirito di solidarietà per il compagno sofferente. Furono giorni di stenti, ma non di disperazione: a consolare e rafforzare ci pensava il cappellano della formazione, don Beppe Bruno, parroco del Borgato e attivo organizzatore dell’Azione Cattolica cittadina e delle ACLI. Fu un modo per restare coerenti alla scelta della Resistenza, che così si ampliava dall’ambito politico e militare e diventava presa di posizione per un impegno solidale, deditorio, in cui l’amicizia e lo spirito di gruppo potevano valere come ragione per rischiare la vita. Il tenente alpino Beppe, aggravatosi prima di Natale, fu infine portato a valle, dove morì, il 30 dicembre. La Resistenza monregalese aveva così un’epica tutta sua, un racconto da tramandare con affetto e ammirazione.

La forza simbolica delle coordinate di quel fatto non sfuggirono ad Albino Morandini, che ne fece il nucleo del suo Il prete dei ribelli (nuova edizione CEM 2011): la grotta nella neve come luogo umile di nascondimento, di sacrificio e di rigenerazione  –  un po’ sepolcro, un po’ grotta di Natale – e “arca” dei valori buoni della cura reciproca, da preservare per la città futura, quella ancora da costruire, per ora assediata dai mitra dei fascisti e dei nazisti; la scelta di restare ”in alto”,  controcorrente, in nome della coerenza a quei valori:  la stessa del fenogliano Johnny, negli stessi giorni, in Langa.
A settant’anni di distanza dall’episodio della Grotta della Tura, l’A.N.P.I., Libera, MondoQui e MONDOVI’ in MOVIMENTO, organizzano per domenica 27 luglio una camminata (ritrovo ad Artesina ore 9,30, pranzo al sacco) alla grotta di cima Durand, con rievocazione dellevento. Verrà letta, tre l’altro, una testimonianza inedita di Umberto Oggerino, partigiano della III Divisione “Alpi”.

L’iniziativa si svolge nell’ambito di A piedi liberi, tre camminate rievocative della Resistenza. Le successive si terranno il 31 agosto, da Baracco alla cappella di San Marco ed il 14 settembre, da Somano a Bonvicino. L’invito è esteso a tutti.

 

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

Condividi su Facebook

A Mondovì si festeggia la Festa del Lavoro in piazza: nasce il primo “Concert1no del Primo maggio” 0

Posted on aprile 28, 2014 by MoMo

MONDOVI’ in MOVIMENTO, con il patrocinio dei Sindacati CGIL, CISL e UIL e del Comune della Città di Mondovì è lieta di annunciare il “Concert1no del Primo Maggio”.
La prima manifestazione della città in occasione della Festa del Lavoro: di chi lavora e di chi un lavoro non ce l’ha o magari ce l’ha precario; un’occasione di onorare ciò che per anni ha nobilitato l’uomo, che ne è da sempre fonte di suo progresso, sociale e umano.

Saranno nove le ore di intrattenimento che terranno viva piazza Ellero nel rione Breo della città, dalle ore 15 alle 24. Come in tutti i migliori happening che si rispettano la parte centrale della manifestazione sarà dedicata alla musica: alcune delle più interessanti realtà musicali locali e della Provincia. Band ed artisti che parteciperanno e suoneranno prevalentemente musica inedita, a testimoniare che chi prende parte al progetto vuole usare parole proprie e non servirsi di quelle di altri.  Un giorno di suono e di suoni, di parole, cantate e sincopate, lette e recitate, di movimento e di movimenti. Nove band a contendersi il palco per 40 minuti ciascuno, dal rock al cantautorato, dall’elettronica al rap.

Ma anche un’occasione per parlare del lavoro, di quello con la L maiuscola, di quello che c’è e di quello che ancora manca, di quello che i nostri giovani sognano e di quello che con tanta fatica, tutti i giorni, chi non ce l’ha cerca di costruirselo o di inventarselo.
Il “Concert1no del Primo Maggio” non sarà solo un’occasione per alzare la voce, ma anche per dare voce, per fare sistema e mostrare che un Paese, così come una Città, sono il prodotto unico di tante teste, tante persone, una vicina all’altra; espressioni e culture magari differenti, ma accomunate dallo stesso spirito d’iniziativa.
Il “Concert1no del Primo Maggio” sarà un momento della Città e per la Città di Mondovì, ottenuto con il supporto di tutti, delle associazioni di categoria, dei commercianti e di coloro che hanno reso disponibile la manifestazione grazie alla campagna di raccolta fondi che ha dato origine ad un opuscolo distribuito un po’ dappertutto.

MONDOVI’ in MOVIMENTO ha lanciato la proposta e tanta gente ha accettato con grande disponibilità e partecipazione, affinché questa manifestazione potesse nascere.
Chi partecipa lo fa con quello spirito che emerge anche nella presentazione nella pagina dell’opuscolo: perché quest’anno il Primo Maggio – festa del Lavoro e dei Lavoratori – a Mondovì non finirà “nel solito modo”.

Condividi su Facebook
  • Resoconto della raccolta fondi per il progetto "Borse Lavoro"



    MONDOVI' in MOVIMENTO verso...

    una Mondovì con più verde e meno supermercati, che tuteli il paesaggio e lo difenda da inutili cementificazioni e da uno sviluppo irrazionale

    una Mondovì capace di costruire opportunità di lavoro per tutti ed in particolare per le nuove generazioni

    una Mondovì che tuteli tutte le attività artigianali, commerciali, agricole e agroalimentari con particolare attenzione alle tipicità locali

    una Mondovì che scommetta sui giovani e sul loro entusiasmo, che li sappia coinvolgere attivamente nella vita cittadina e favorisca la nascita e lo sviluppo di associazioni, luoghi di aggregazione e di discussione

    una Mondovì che consideri prioritario il tema della scuola e che sostenga il mondo dello sport ad ogni livello

    una Mondovì che sappia valorizzare il suo patrimonio storico e culturale e la sua originale produzione artistica e letteraria

    una Mondovì che promuova la salute dei propri cittadini ed in particolare che sappia offrire un’assistenza adeguata alle persone anziane

    una Mondovì attenta ai bisogni delle persone, unita e solidale, dove chiunque possa sentirsi a casa

    una Mondovì capace di assumere un ruolo di riferimento per lo sviluppo di tutto il territorio monregalese

    una Mondovì nel mondo, attenta ai cambiamenti che avvengono nella società, al suo interno e al suo esterno, e che sappia esserne protagonista


    MONDOVI' in MOVIMENTO aderisce al FORUM nazionale



    Stats: 260 Posts, 61 Comments

  • Articoli recenti

  • Archivio



↑ Top