Insieme per una città veramente di tutti

Mondovì in Movimento


Riparte la raccolta fondi per due nuove “Borse Lavoro” promosse da MONDOVI’ in MOVIMENTO 0

Posted on maggio 10, 2016 by MoMo

Ne beneficeranno due cittadini residenti a Mondovì, disoccupati e con figli a carico e verranno finanziate anche con i gettoni di presenza dei tre Consiglieri comunali del movimento

Borse Lavoro 2016

A seguito del successo della prima campagna di solidarietà e raccolta fondi – che ha portato i beneficiari dei due tirocini d’inserimento lavorativo ad essere poi regolarmente assunti dalle aziende coinvolte nel progetto – MONDOVI’ in MOVIMENTO punta a replicare l’iniziativa delle Borse Lavoro con l’intento di dare la stessa opportunità ad altri monregalesi in difficoltà.
Anche in questa seconda campagna le borse lavoro saranno a favore di due cittadini residenti a Mondovì, disoccupati e con figli a carico e verranno finanziate con i proventi derivanti dai gettoni di presenza ai Consigli e alle Commissioni Consiliari messi interamente a disposizione dai tre Consiglieri comunali del movimento – Giovanni Gambera, Paolo Magnino e Stefano Tarolli -, con i contributi volontari degli iscritti e simpatizzanti e attraverso una raccolta fondi attivata a livello cittadino presso i gazebo che verranno allestiti il sabato mattina a Mondovì Breo.

Il ricavato verrò consegnato alla Caritas che, in collaborazione con il Consorzio per i Servizi Socio-Assistenziali (C.S.S.M.), si occuperà di selezionare i candidati da avviare all’esperienza lavorativa, trovare le aziende disponibili ad attivare reali percorsi d’inserimento e erogare l’importo mensile di 500,00 € per i tre mesi di durata dei due tirocini. Periodicamente verranno comunicati aggiornamenti sull’andamento del progetto mantenendo il totale anonimato sui destinatari delle borse lavoro.
Si tratta di un’iniziativa di sostegno al reddito famigliare e al lavoro, una piccola goccia nel mare della crisi che continua a mordere in modo sensibile anche nel nostro territorio.

Chi volesse partecipare alla sottoscrizione può effettuare un versamento sul C/C di MONDOVI’ in MOVIMENTO presso Banca Intesa San Paolo, con codice IBAN IT50E0306967684510725932905, specificando nella causale del versamento “Borse Lavoro 2016”.
 
MONDOVI’ in MOVIMENTO
 

Condividi su Facebook

MONDOVI’ in MOVIMENTO partecipa alla raccolta rifiuti promossa dal Comune nell’ambito della campagna europea “Let’s clean up Europe” 0

Posted on maggio 03, 2016 by MoMo

Appuntamento per sabato 7 maggio, alle 9.30, presso i giardini pubblici di via Cornice
lets clean up europe
Anche quest’anno MONDOVI’ in MOVIMENTO parteciperà all’iniziativa promossa dal Comune di Mondovì nell’ambito della campagna europea contro il littering e l’abbandono dei rifiuti patrocinata dal Ministero dell’Ambiente, “Let’s Clean Up Europe”.
Una giornata dedicata al recupero dei rifiuti abbandonati e alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica su un malcostume dilagante. Tutti i cittadini di buona volontà che hanno a cuore la propria città e il bene dell’ambiente in cui viviamo sono invitati a partecipare. Ognuno deve munirsi di abbigliamento adatto e, soprattutto, di un paio di guanti spessi da giardino, mentre i sacchi per la raccolta verranno forniti dal Comune. Aimeri Ambiente e Proteo offriranno un supporto con i propri mezzi e con il personale addetto.

I volontari verranno divisi in due gruppi: uno costeggerà Piazza Monteregale e si concentrerà nella zona di Parco Europa, l’altro, invece, dopo aver ripulito i giardini di via Cornice si dirigerà verso quelli della stazione ferroviaria.
L’appuntamento per gli amici di MONDOVI’ in MOVIMENTO è per sabato 7 maggio, alle 9.30, presso i giardini pubblici di via Cornice (in caso di maltempo, l’iniziativa sarà rinviata a nuova data).
Partecipiamo numerosi: più siamo, più pulita sarà la nostra bella città!

Condividi su Facebook

Esondazione Rio Bozzolo in Via Cuneo: fare tutto il possibile perchè non si verifichi più un simile episodio 0

Posted on aprile 29, 2016 by MoMo

Interrogazione del Gruppo consiliare di MONDOVI’ in MOVIMENTO in cui si chiede anche quali iniziative l’Amministrazione Civica intenda assumere per tutelare gli interessi dei cittadini che hanno subito i danni
garage allagatoNella notte tra domenica 28 e lunedì 29 febbraio, a seguito di consistenti precipitazioni piovose, il Rio Bozzolo è esondato ed ha provocato l’allagamento di numerose proprietà private nella zona di Via Cuneo. L’acqua ha riempito garage e cantine procurando gravi danni alle abitazioni di numerosi cittadini che hanno conseguentemente scritto e firmato una lunga lettera all’Amministrazione Comunale. Buona parte del percorso del Rio Bozzolo è stato, nel tempo, interrato e coperto, in seguito alle numerose edificazioni e lottizzazioni nella zona del Tiro a Segno, Via Chiusa Pesio e Via Sant’Anna.

I Consiglieri comunali di MONDOVI’ in MOVIMENTOMagnino, Gambera e Tarolli – hanno presentato un’interrogazione nella quale chiedono a chi competa la pulizia e la manutenzione del corso del Rio Bozzolo e chi debba agire in modo preventivo per evitare che, nel tempo, possano ripetersi simili situazioni. Inoltre chiedono quale iniziative l’Amministrazione Civica intenda assumere per tutelare gli interessi dei cittadini che hanno subito i danni.

 

DOWNLOAD – Interrogazione su esondazione Rio Bozzolo

 

Condividi su Facebook

Chi è responsabile dell’abbandono dei locali dell’ex Ospedale di Mondovì? 0

Posted on aprile 28, 2016 by MoMo

Paolo Magnino chiede chi sia, ad oggi, l’ente proprietario dei locali che dovrebbero divenire sede del Liceo Scientifico “Vasco” e a chi competa la loro messa in sicurezza.

Ex Ospedale MondovìIl capogruppo di MONDOVI’ in MOVIMENTO in Consiglio comunale, Paolo Magnino, ha presentato un’interrogazione – per cui è attesa risposta nella seduta prevista per venerdì 29 aprile – in merito allo stato di abbandono e degrado dei locali dell’ex Ospedale di Mondovì.
I locali abbandonati sono stati saccheggiati e danneggiati e potrebbero diventare dimora di sbandati. Il padiglione del “Gallo” dovrebbe, nelle intenzioni dell’Amministrazione Comunale, diventare la nuova sede del Liceo Scientifico. La proprietà di questo immobile doveva passare in permuta alla Provincia di Cuneo (responsabile dell’edilizia scolastica per le scuole secondarie superiori) tramite un accordo con l’Asl CN1 che, a sua volta, sarebbe diventata proprietaria dei locali sede delle scuole medie di Via delle Scuole a Mondovì Piazza. Il padiglione “Michelotti”, invece, è restato di proprietà dell’Asl CN1 ed ha destinazione residenziale.

Paolo Magnino fotoMagnino chiede pertanto a chi faccia capo, ad oggi, la proprietà del padiglione “Gallo” e a chi competa la messa in sicurezza dell’immobile stesso. Nel caso sia di proprietà comunale, quali interventi pensa di mettere in atto l’Amministrazione comunale o, in caso contrario, se la stessa Amministrazione non ritenga di dover segnalare all’Ente competente lo stato di degrado dell’immobile.

 

DOWNLOAD – Interrogazione su proprietà e messa in sicurezza ex Ospedale

 

Condividi su Facebook

Potenziare il sito internet del Comune di Mondovì per avere un canale diretto con i cittadini e fornire maggiori informazioni 0

Posted on aprile 28, 2016 by MoMo

Interrogazione volta a sollecitare il Comune di Mondovì ad un maggior utilizzo del web, dei social e delle applicazioni per rendere più semplice, diretta e immediata la comunicazione con i cittadini

social-network-pubblica-amministrazioneL’amministrazione comunale di Mondovì intende sviluppare il sito internet del Comune offrendo servizi che vadano oltre quelli già offerti dallo sportello del cittadino da tempo esistente?
E’ questa la domanda che Magnino, Gambera e Tarolli – del gruppo consiliare di MONDOVI’ in MOVIMENTO – rivolgono al Sindaco Viglione tramite l’interrogazione che verrà trattata nel prossimo Consiglio comunale.
Nella premessa del documento vengono elencati alcuni esempi di utilizzo del web, dei social e delle applicazioni da parte di enti pubblici per rendere più semplice, diretta e immediata la comunicazione con i cittadini.
Il Comune di
San Secondo Parmense (Pr) ha attivato il servizio online ‪Comuni-Chiamo per segnalare in tempo reale i problemi rilevati sul territorio che riguardano strade, spazi pubblici, illuminazione. Dal sito istituzionale è possibile accede al portale Comuni-Chiamo, registrarsi, inviare la segnalazione in modo semplice e comodo. E per rendere il servizio ancora più veloce basta scaricare l’App.
Il Comune di Corinaldo (An) utilizza WhatsApp come nuovo canale di comunicazione con i cittadini. E’ infatti possibile ricevere tutte le notizie, gli aggiornamenti e gli eventi di Corinaldo e del territorio anche tramite il popolare servizio di messaggistica.

Più in generale viene segnalata la possibilità di scaricare applicazioni già disponibili (es.: www.municipiumapp.it) che consentono di:

– comunicare notizie ed eventi, geolocalizzati e organizzati;
– trasmettere comunicazioni importanti o emergenze;
– valorizzare servizi e punti d’interesse: sport, cultura, associazioni, imprese, turismo;
– offrire al cittadino la possibilità di inviarti segnalazioni sicure, riservate, facili da gestire;
– inviare i calendari della raccolta differenziata, i numeri utili;
– richiedere ai cittadini proposte e opinioni, grazie ai sondaggi rapidi;
– trasmettere bollettini e modelli F24 per i pagamenti delle tasse locali.

Infine viene proposta la realizzazione di una newsletter del Comune da inviare periodicamente ai cittadini monregalesi che si dichiarassero interessati a ricevere questo nuovo servizio informativo.

 

DOWNLOAD – Interrogazione sulla comunicazione web del Comune di Mondovì

 

Condividi su Facebook

A quando una rete a banda ultra larga a Mondovì? 0

Posted on aprile 27, 2016 by MoMo

I Consiglieri di MONDOVI’ in MOVIMENTO chiedono al Sindaco Viglione quali siano le infrastutture digitali presenti a Mondovì e se la sua Amministrazione intenda  investire per dotare la città di una rete a banda ultra larga
Banda Ultra LargaLa banda ultra larga, il canale di comunicazione in grado di trasmettere informazioni (bit) non inferiori a 20 Mega bit al secondo (Mbps), è un elemento strategico di fondamentale importanza per la crescita, l’occupazione e lo sviluppo di un territorio. Le aziende l’attendono per ampliare i propri mercati, stimolare gli investimenti, attivare nuovi modelli organizzativi, accrescere le economie grazie alle videoconferenze e contatti via web. Con essa le attività commerciali possono investire nell’e-commerce e nella gestione dei propri ordini online, per non parlare dell’e-learning e dell’e-banking utilizzabili anche dei cittadini.

Sempre più enti locali decidono d’investire in infrastrutture di rete a banda ultra larga.
Il Comune di Novellara (RE), per esempio, vuole realizzare una nuova infrastruttura in fibra ottica, una rete di comunicazione elettronica che permetta l’accesso ad internet ultraveloce ad imprese e cittadini mettendo a disposizione le proprie tubazioni (come l’illuminazione pubblica). Per tale obiettivo è stato pubblicato un avviso di manifestazione d’interesse rivolto alle imprese interessate a proporre una propria idea progettuale.
I Comuni di Grugliasco (To), Gualdo Tadino (Pg) e Chiari (BS) hanno, invece, preso parte e vinto, negli ultimi tre anni, il primo premio del Contest “TIM Italia Connessa – Comuni Connessi” organizzato da Telecom Italia e destinato alle cittadine di media dimensione. Dal 2013 il Contest si propone di diffondere la cultura dell’innovazione tra le Amministrazioni locali e favorire la diffusione di servizi innovativi ai cittadini e alle imprese anche nei centri di medie dimensioni. Telecom Italia premia con un investimento in infrastruttura NGN – Next Generation Network (rete di prossima generazione) fissa e mobile, il Comune che propone il piano di sviluppo digitale più concreto e convincente. I progetti sono valutati sulla base della loro capacità di produrre benefici concreti e rilevanti per i cittadini e le imprese residenti nel Comune proponente, in coerenza con gli obiettivi delle Agende Digitali Nazionali e Comunitarie e valorizzando le specificità del territorio.
Nel comune di Grugliasco con un investimento di 700.000,00 €, interamente a carico di Telecom Italia, l’80% della popolazione è raggiunta da una rete fissa in banda ultralarga e la copertura su rete mobile 4G è attiva per quasi il 100% dei residenti. Nel Comune di Chiari, nel corso del 2016, verranno avviati i lavori per dotare la Città di una rete NGN, che rappresenta la massima espressione tecnologica oggi disponibile per quanto riguarda le reti di telecomunicazione. Non solo internet veloce, ma un’infrastruttura di comunicazione in grado di supportare tutti i nuovi servizi che costituiscono la Smart City come lo “Smart lighting” (lampioni che integrano videosorveglianza, connettività, infomobilità, promozione turistica). Una rete che avrà ricadute importantissime sia nella vita di tutti i giorni che nella capacità di attrarre imprese.

Con queste premesse i Consiglieri comunali di MONDOVI’ in MOVIMENTO Magnino, Gambera e Tarolli – chiedono, attraverso un’interrogazione al Sindaco di Mondovì, di quale tipo di infrastrutture di rete sia dotato il territorio della città di Mondovì e se l’attuale amministrazione civica intenda dotare la città di una rete a banda ultra larga mediante investimenti propri e diretti e se eventualmente voglia prendere parte all’edizione 2016 del Contest di Telecom.

 

DOWNLOAD – Interrogazione Rete a Banda Ultra Larga a Mondovì

 

Condividi su Facebook

Anche Mondovì chieda verità per Giulio Regeni! 0

Posted on aprile 26, 2016 by MoMo

Ordine del giorno del gruppo consiliare di MONDOVI’ in MOVIMENTO per chiedere l’adesione del Comune di Mondovì alla campagna di sensibilizzazione di Amnesty International e l’esposizione dal Palazzo di Città dello striscione giallo “VERITA’ PER GIULIO REGENI” per l’intero mese di maggio

Striscione RegeniI Consiglieri comunali di MONDOVI’ in MOVIMENTOTarolli, Gambera e Magnino – hanno presentato un Ordine del Giorno da sottoporre al voto del prossimo Consiglio Comunale, che si terrà  venerdì 29 aprile, volto all’adesione del Comune di Mondovì alla campagna di Amnesty International Verità per Giulio Regeni”.

 

Ordine del giorno

Adesione alla Campagna di Amnesty International ‘Verità per Giulio Regeni’

IL CONSIGLIO COMUNALE DI MONDOVI’

Premesso che

  • In data 25 gennaio 2016 lo studioso italiano Giulio Regeni è sparito in circostanze misteriose a Il Cairo (Egitto), dove stava svolgendo il dottorato di ricerca per la Cambridge University;

  • In data 3 febbraio 2016 il corpo di Giulio è stato trovato senza vita, in una strada di collegamento tra Il Cairo ed Alessandria d’Egitto, con evidenti e multipli segni di tortura;

  • In questi mesi il Governo e la Magistratura egiziana hanno prospettato le ricostruzioni più disparate, ed inverosimili, circa la possibile fine del ricercatore italiano;

  • In data 8 aprile 2016 il Ministro degli Esteri italiano, Paolo Gentiloni, ha richiamato a Roma per consultazioni l’ambasciatore italiano a Il Cairo, Maurizio Massari, prospettando, inoltre, altre possibili misure “immediate e proporzionate” alla mancata collaborazione da parte degli inquirenti egiziani;

  • Amnesty International ha lanciato la campagna ‘Verità per Giulio Regeni’, un’intensa, e capillare, mobilitazione internazionale, “per non permettere che l’omicidio del giovane ricercatore italiano finisca per essere dimenticato, per essere catalogato tra le tante << inchieste in corso >> o, peggio, per essere collocato nel passato da una << versione ufficiale >> del governo del Cairo.”;

  • Uno degli elementi significativi di questa campagna consta nell’esposizione dello striscione giallo ‘Verità per Giulio Regeni’, o comunque di un altro simbolo che chieda a tutti l’impegno per avere la verità sulla morte di Giulio.

  • Ad oggi risulta che la campagna di Amnesty International abbia trovato adesione, con riferimento agli Enti locali, in 5 Regioni, 2 Province e 98 Comuni e, con riferimento agli istituti scolstici ed ai luoghi di cultura, in 30 università, 25 scuole e 13 biblioteche.

Ulteriormente premesso che

  • La Dichiarazione Universale per i Diritti Umaani, all’art. 5, statuisce che “Nessun individuo potrà essere sottoposto a tortura o a trattamenti o punizioni crudeli, disumani e degradanti”;

  • Il diritto a essere liberi dalla tortura – e da altri trattamenti o punizioni crudeli, disumani e degradantiè tra i diritti umani più saldamente protetti dal diritto internazionale. Ribadito in strumenti internazionali – come il Patto internazionale per i diritti civili e politici – e regionali, il divieto di tortura viene sancito in una Convenzione ad hoc nel 1984: la Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, disumani e degradanti (Convenzione).

Tutto ciò in premessa,

Il Consiglio Comunale di Mondovì

  1. aderisce formalmente alla campagna di Amnesty International “Verità per Giulio Regeni” con l’intento, e la speranza, che possano aumentare le richieste degli Enti Locali, dei principali Comuni Italiani, delle Università e di altri luoghi di cultura del nostro paese affinché venga fatta piena luce sulla morte di Giulio Regeni;

  2. dispone, per rendere ancora più forte e simbolica l’adesione di cui sopra, l’esposizione dello striscione giallo “Verità per Giulio Regeni” dal Palazzo di Città per l’intero mese di maggio 2016;

  3. chiede ai parlamentari di zona, in rappresentanza del territorio monregalese, che si adoperino per una ancor maggiore sensibilizzazione delle istituzioni volta alla ricerca della verità;

  4. chiede altresì che il suddetto ordine del giorno venga inviato al Consiglio dei Ministri, al Ministro per gli Affari Esteri, al Presidente del Senato della Repubblica, al Presidente della Camera dei Deputati, al Presidente della Regione Piemonte ed al Presidente della Provincia di Cuneo.

 
DOWNLOAD – Ordine del giorno “Verità per Giulio Regeni”
 

Condividi su Facebook

Proseguono le “Pietre Resistenti” di MONDOVI’ in MOVIMENTO 0

Posted on aprile 15, 2016 by MoMo

Gli abitanti di Carassone – e tutti i monregalesi interessati – sono invitati a ripulire l’incisione del nome dei loro avi o conoscenti morti in guerra

Prima e Dopo Piazza MaggioreImpercettibili macchie arancioni si muovevano rapide, giovedì pomeriggio, ai piedi della Chiesa della Missione in Piazza Maggiore. Erano i volontari di MONDOVI’ in MOVIMENTO, impegnati nell’iniziativa “Pietre Resistenti”, finalizzata a restaurare scritte, lapidi ed epigrafi della città, affinché i sacrifici, i ricordi e gli avvenimenti di un tempo non sbiadiscano negli anni ma si perpetrino, viceversa, di generazione in generazione.

Qui le armi vollero uccidere l’idea. Le armi caddero, l’idea rifece la patria” recita una delle scritte riportate alla luce e incisa in memoria dei quindici partigiani che tra il 1944 e il 1945 perirono sotto il fuoco nazifascista nel rione di Piazza. Tra loro Antonio Sciolla, Medaglia d’Argento al Valor Militare, caduto nei pressi della Caserma Galliano il 19 gennaio del 1944; Giuseppe Curti e Cesare Iemini, componenti della V° Divisione Alpi – Brigata Valcorsaglia, fucilati proprio al muro della Chiesa della Missione il 6 agosto del ’44; Domenico Arnera, Luigi Borini, Franco Leonardi, Domenico Penazzo, Giuseppe Regis, Giovanni Scotto, Alberto Tallone e Rocco Verdone, trucidati da soldati tedeschi per rappresaglia il 18 dicembre del 1944 in Via Vasco; Enrico Baudino, Luca Eula, Hans Wilke e Tommaso Tomatis, infine, colpiti dal fuoco tedesco ormai in ritirata il 28 aprile 1945 in Piazza d’Armi.

DSC_0017Un’iniziativa, quella di MONDOVI’ in MOVIMENTO dall’alto valore etico e morale, che si sposterà la prossima settimana a Carassone, per cominciare i lavori di pulitura anche sulla grande lapide posta nei giardinetti a fianco della Chiesa Parrocchiale.
In questo caso, viste le dimensioni dell’epigrafe, i tempi saranno ovviamente più lunghi – fa sapere il Presidente del movimento Gabriele Campora ma desideriamo fin d’ora invitare tutti i carassonesi, e non, ad unirsi a noi per riportare alla luce i nomi dei loro parenti, conoscenti o amici periti durante i due conflitti mondiali. Ogni singola lettera incisa richiede un’attenta pulitura prima di essere riverniciata e sarebbe bello che a farlo fossero gli stessi discendenti, o chi ha chiara memoria, dei concittadini caduti in guerra. Un gesto simbolico per non dimenticarli”.
Appuntamento allora per giovedì 21 aprile a Carassone a partire dalle 17.45.

             Gabriele Gallo
per MONDOVI’
in MOVIMENTO

 

Lapide Piazza Maggiore 2Lapide Piazza Maggiore 4

Lapide Piazza Maggiore 6Lapide Piazza Maggiore 8

Lapide Piazza Maggiore 1Lapide Piazza Maggiore 5

Condividi su Facebook

MONDOVI’ in MOVIMENTO aderisce convintamente al corteo delle lavoratrici “Rebus” e “Pierrot” 0

Posted on aprile 15, 2016 by MoMo

La manifestazione, organizzata con il supporto della Filctem CGIL, partirà alle ore 10.00 in piazza Carlo Ferrero (davanti al Bar Scudo)
Rebus e PierrotMONDOVI’ in MOVIMENTO aderisce convintamente al corteo dei dipendenti delle due aziende tessili di Mondovì al centro di una drammatica crisi finanziaria, la “Rebus” e la “Pierrot”.

Nella mattinata di domani, sabato 16 aprile, le 80 famiglie delle lavoratrici che da più di tre mesi non percepiscono alcuna retribuzione – con il supporto del sindacato Filctem CGIL, organizzano una manifestazione che partirà alle ore 10.00 in piazza Carlo Ferrero (davanti al Bar Scudo) per concludersi davanti alla sede del Comune in Piazza Martiri della Libertà, passando all’interno del mercato in Piazza Ellero e poi in Corso Statuto.

La speranza è quella di essere ricevuti dall’amministrazione Comunale di Mondovì per chiedere che si faccia promotrice di organizzare un incontro che riunisca assieme alle lavoratrici e i Comuni ove le stesse risiedono per affrontare la difficile situazione facendo “sistema” e fare un appello all’imprenditoria locale affinché non si disperdano le numerose professionalità, anche in considerazione del fatto che alcune commesse produttive della precedente gestione potrebbero ancora non essere disperse.

L’invito rivolto a tutti  è di partecipare numerosi, per far sentire la propria vicinanza alle famiglie delle lavoratrici e per dare il massimo risalto, e portare a conoscenza dei più, questa nuova realtà di disagio.

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

Condividi su Facebook

Con l’avvicinarsi del 25 aprile tornano le “Pietre Resistenti” 0

Posted on aprile 12, 2016 by MoMo

Iniziativa di pulizia e restauro dei marmi commemorativi dei caduti della Resistenza promossa da MONDOVI’ in MOVIMENTO in collaborazione con l’ANPI

Lapide Piazza MaggioreIn vista delle celebrazioni per il 25 Aprile, anniversario della liberazione dall’occupazione tedesca e dalla dittatura fascista, torna “Pietre Resistenti”, l’iniziativa di pulizia e restauro di cippi e lapidi in memoria dei caduti della Resistenza presenti nel territorio di Mondovì, promossa dal movimento civico monregalese MONDOVI’ in MOVIMENTO in collaborazione con l’ Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI).
Ogni cippo, targa, lapide ricorda persone che hanno dato la vita per un ideale; è un frammento di memoria che ha bisogno di una delicata attenzione per essere colta e ascoltata; è l’occasione per ricordare e ricostruire il nostro passato.

Si partirà con il restauro della lapide commemorativa affissa sul muro della balconata esterna della Chiesa della Missione a Piazza, per poi intervenire su quella presente nei giardinetti a fianco della Chiesa di Carassone, in ricordo degli abitanti del rione caduti durante le due guerre.
Il primo appuntamento per chi vorrà collaborare o semplicemente ricordare, ascoltando le eroiche e tristi storie dei nomi scolpiti sul marmo, è per
giovedì 14 aprile, alle 17.45, nei pressi della Chiesa della Missione in Piazza Maggiore.

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

Condividi su Facebook

Il Gruppo di Lavoro su “Peccati di Gola” incontra il Sindaco Viglione 0

Posted on febbraio 29, 2016 by MoMo

Offerta piena disponibilità ad una fattiva collaborazione con l’augurio di poter contribuire al processo d’ideazione del prossimo “Peccati di Gola”

Stefano ViglioneNell’ultima riunione del Gruppo di Lavoro impegnato ormai da mesi nello studio di un nuovo format per “Peccati di Gola” si è entrati nella fase d’indagine del progetto, volta a raccogliere pareri, idee e proposte sulla manifestazione enogastronomica, da produttori e visitatori.
Partendo da questionari utilizzati per indagini su eventi similari o, più genericamente, rivolti a fruitori di servizi pubblici di altra natura, è stata abbozzata una traccia degli argomenti e dei quesiti ritenuti più utili per ottenere un riscontro attendibile sul livello di gradimento della manifestazione e per trarre le indicazioni necessarie alla costruzione della proposta finale di riorganizzazione. Considerando di fondamentale importanza il ruolo dei produttori – il cui costante coinvolgimento è stato una delle fortune delle edizioni di maggior successo di “Peccati di Gola” – si è ritenuto di pianificare una serie di visite nelle aziende degli stessi per approfondirne la conoscenza e condividere e affrontare l’argomento con spirito collaborativo. Non meno importante, ma sicuramente molto più impegnativa nei numeri, l’indagine sui visitatori verrà affrontata con appositi questionari, più sintetici e mirati.

Consapevoli del poco tempo a disposizione per poter contribuire già all’edizione 2016 della manifestazione e conoscendo il percorso parallelo avviato dal Comune, si è unanimemente deciso di incontrare al più presto il Sindaco Viglione per presentargli personalmente il progetto e per mettere a disposizione della sua Amministrazione quanto verrà elaborato, in un clima di concreta collaborazione.
All’incontro, che si è tenuto alle ore 17 di martedì 23 febbraio, presso l’ufficio del Sindaco nel Palazzo Comunale, hanno partecipato il Presidente di MONDOVI’ in MOVIMENTO, Gabriele Campora, e le due componenti del Consiglio Direttivo referenti del Gruppo di Lavoro, Erika Chiecchio e Maria Cristina Gasco.

Dopo la presentazione delle attività finora svolte dal movimento e, nello specifico, dai due gruppi di lavoro attualmente attivi, è stata esplicitamente presentata una proposta di collaborazione accompagnata dalla richiesta di poter contribuire al tavolo di lavoro promosso dal Comune. Temi riportati integralmente in una lettera consegnata al Sindaco dal Presidente del movimento.
Viglione ha, da prima, ripercorso la storia di Peccati di Gola nelle sue principali fasi – toccando vari aspetti legati all’identità iniziale della manifestazione e all’evoluzione che la stessa ha avuto a causa del ridursi delle disponibilità finanziarie del Comune – per poi riferire dei confronti già avviati con le associazioni del territorio interessate all’evento che porteranno, a brevissimo, alla presentazione di una nuova proposta organizzativa per l’edizione 2016.
Il Sindaco ha comunque accolto con favore la proposta di collaborazione del Gruppo di Lavoro impegnandosi a condividere il documento per raccogliere eventuali ulteriori contributi, idee e proposte utili alla buona riuscita della manifestazione.
Campora, apprezzando l’apertura del primo cittadino, ha ribadito l’intenzione del Gruppo di Lavoro di voler procedere con l’attività d’indagine attraverso le visite ai produttori – interpellandoli e ascoltandoli con la prospettiva di renderli partecipi e coinvolti come in passato – e di voler condividere questo percorso con l’Amministrazione offrendo il proprio impegno civico a favore di tutta la città. Il Sindaco Viglione ha quindi chiuso l’incontro accettando la disponibilità e rispondendo che questo sarebbe sicuramente un contributo utile alla causa “Peccati di Gola”.

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

Condividi su Facebook

Si entra nella prima fase operativa della Metropolitana Pedonale 0

Posted on febbraio 11, 2016 by MoMo

Prossimo incontro mercoledì 17 febbraio, alle ore 21, in Sala Franco Centro della Stazione FS

MetroI partecipanti all’incontro del 3 febbraio del Gruppo di Lavoro “Sociale, Salute e Cultura”, incentrato sul progetto della “Metropolitana Pedonale”, hanno deciso di suddividersi alcuni compiti da svolgere prima della prossima riunione che è fissata per mercoledì 17 febbraio, alle ore 21.00, presso la Sala Franco Centro della Stazione Fs.

Eccone alcuni:
recuperare mappe cittadine per iniziare ad abbozzare ipotetiche tratte pedonali; svolgere una ricerca circa le antiche vie di collegamento il cui recupero potrebbe beneficiare di specifici finanziamenti a livello europeo; verificare lo stato dell’arte di alcuni progetti comunali, tipo quello relativo ai bastioni di Piazza; informarsi su possibili finanziamenti al progetto e/o partenariati; coinvolgere altre persone e associazioni affinché l’iniziativa raccolga la più ampia partecipazione possibile.

A partire dalla prossima riunione si entrerà quindi nella prima fase operativa del progetto e sarà sempre più utile e importante il contributo di tutti quelli che vorranno in qualche modo collaborare.

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

Condividi su Facebook

Un futuro “Peccati di Gola” senza ticket e con percorsi enogastronomici, culturali e musicali per le vie e piazze del centro storico di Mondovì 0

Posted on febbraio 10, 2016 by MoMo

Soddisfatti per la riunione su “Peccati di Gola” indetta dal Comune con le associazioni del territorio e pronti a collaborare attivamente

Manifestazione PiazzaIl Gruppo di Lavoro di MONDOVÌ in MOVIMENTO sul tema “Peccati di Gola”, riunitosi mercoledì 3 febbraio scorso preso l’Agriturismo Acquadolce di San Biagio, sta proseguendo nella sua analisi approfondita ed interdisciplinare della manifestazione, volta a rispolverare la filosofia e le principali caratteristiche delle primordiali edizioni.
Prendendo atto positivamente della convocazione che il Comune di Mondovì ha rivolto ai principali attori del territorio (Coldiretti, Confartigianato, Istituto Alberghiero, Slow Food, etc.) con l’intento di discutere proprio del futuro di Peccati di Gola e mettendosi a disposizione per una fattiva collaborazione, nell’ultimo incontro ci si è concentrati in particolare sugli eventi più o meno similari che annualmente si svolgono nel territorio cuneese, riscontrando tra le altre cose l’assenza di manifestazioni pensate unicamente come contenitori delle eccellenze di una precisa area geografica – e non quindi come vetrine di un singolo prodotto – e l’analoga mancanza di manifestazioni esclusivamente a pagamento. L’analisi comparativa ha parimenti consentito di scorgere anche la bontà della scelta temporale di Peccati di Gola, lontana in effetti da eventi simili rivolti al medesimo bacino di pubblico.
Le prime unanimi conclusioni del tavolo di lavoro portano nella direzione di una futura manifestazione con accesso completamente gratuito ai visitatori – o, eventualmente, con facoltativi percorsi degustativi e/o culturali a pagamento – e un’allocazione nelle vie e piazze di Breo e Piazza, con eventi musicali e culturali ad affiancare la presentazione e proposta enogastronomica di prodotti locali.
Al fine di meglio intercettare il gradimento e le aspettative dei produttori e dei visitatori, infine, si è deciso di realizzare appositi questionari da sottoporre agli uni e agli altri, utili per ponderare future strategie organizzative e comunicative. In tal senso un nuovo incontro mirato proprio alla creazione dei questionari suddetti e alla modalità di distribuzione degli stessi, verrà organizzato entro il 15/18 febbraio.
Si ricorda che il Gruppo di Lavoro è aperto al contributo di tutti e mette al centro la trasparenza e la condivisione delle informazioni.

MONDOVI’ in MOVIMENTO

 

Condividi su Facebook

Un’ulteriore riflessione sulla futura organizzazione della Scuola Media di Piazza 0

Posted on febbraio 02, 2016 by MoMo

Sarà sufficiente un’unica sezione per gli iscritti di Piazza e Carassone che non sceglieranno l’indirizzo musicale?

iscrizioni online scuolaIn merito al dibattito scaturito a seguito della destinazione del corso unico a indirizzo musicale delle Scuole medie di Mondovì nel nuovo Polo Scolastico di Piazza – e non volendo entrare nel merito della bontà o meno della costruzione di un nuovo edificio scolastico in Piazza d’Armi , essendo ormai cosa fatta – vorrei aggiungere alla discussione, e porre all’attenzione dell’Amministrazione comunale e degli interessati, una situazione problematica che potrebbe venire a verificarsi in futuro, creando sgradevoli conseguenze per alcune famiglie monregalesi.
Come risaputo la Scuola Media di Piazza prevederà dall’anno prossimo due sezioni distinte: una “tradizionale”, che sarà molto probabilmente quasi esclusivamente frequentata da alunni del bacino territoriale di competenza (Piazza e Carassone) , e una ad indirizzo musicale, che potrà invece interessare gli studenti di tutta la città. Le classi prime delle scuole secondarie di I grado sono costituite, di norma, con non meno di 18 e non più di 27 alunni. Eventuali iscritti in eccedenza dovranno essere ridistribuiti tra le diverse sezioni della stessa scuola, senza superare il numero di 28 alunni per classe.
Dato che già quest’anno termineranno il quinto anno della Scuola primaria di Piazza e di quella di Carassone un numero ben maggiore di 27 alunni – che potrebbero non essere interessati o esclusi, a seguito di selezione, dall’indirizzo musicale – e che la tendenza delle iscrizioni ai primi anni di tali scuole è in aumento, come si pensa di gestire in futuro l’eventuale eccedenza di richieste d’iscrizione al primo anno della Scuola Media “tradizionale” dei bambini residenti a Piazza e a Carassone?
I criteri di precedenza e quelli con punteggi saranno utili a stilare delle classifiche ma non a risolvere il problema che potrebbe vedere alunni residenti nel bacino di competenza territoriale esclusi da quella che normalmente dovrebbe essere la propria Scuola media di riferimento e costretti a spostamenti non desiderati.
Si potrebbe rispondere che non tutti gli alunni che termineranno le succitate Scuole primarie si iscriveranno necessariamente alle Medie di Piazza ma, allora, entrando nel campo delle probabilità, bisognerà sicuramente tenere da conto anche dell’effetto attrattivo che eserciterà la nuova struttura del Polo Scolastico e i servizi accessori che in esso verranno messi a disposizione per le famiglie.

Gabriele Campora
Presidente di
MONDOVI’ in MOVIMENTO

Condividi su Facebook

Lettera aperta di Paolo Magnino al Sindaco di Mondovì, Stefano Viglione 0

Posted on febbraio 01, 2016 by MoMo

Lettera al Signor Sindaco Stefano Viglione

Paolo Magnino fotoIl prossimo anno scolastico comporterà due novità importanti per la nostra città.
Verrà inaugurato il Polo Scolastico, voluto dal Sindaco Viglione, opera pubblica costata alla città alcuni milioni di euro (a preventivo erano 7.500.000,00 di euro).
E’ terminata la costruzione di un edificio nuovo, nel quartiere di Piazza, già sede di tanti contenitori vuoti e in disuso. Un’opera che oltre 1300 monregalesi avevano chiesto, inutilmente, di non fare, firmando una petizione portata in Consiglio Comunale e bocciata dalla stessa maggioranza che guidava e guida la città.

Contemporaneamente, con un anno di anticipo (che combinazione!) sui tempi massimi fissati dalla legge, in città si costituiranno due istituti scolastici comprensivi che incorporeranno le scuole dell’infanzia, le scuole elementari e medie spaccando in due la città: Altipiano e Via Cuneo da una parte, Ferrone, Breo, Carassone e Piazza dal’altra. Una divisione fatta per numeri e per iscritti nel rispetto delle leggi e della sicurezza.
Questa divisione ha portato alla scelta di individuare nel Polo Scolastico l’unico plesso per l’indirizzo musicale, fiore all’occhiello delle scuole medie cittadine.
E’ un bel cambiamento. Infatti fino all’anno scolastico 2015/2016 ogni famiglia poteva iscrivere il proprio figlio alle scuole medie di competenza territoriale (Altipiano, Breo o Piazza) e scegliere, se lo desiderava, di fargli seguire gratuitamente l’indirizzo musicale, con corsi, in tutti e tre i plessi, di pianoforte, violino, flauto traverso o chitarra. I posti erano limitati ma tutti potevano iscriversi, sostenendo un esame attitudinale di ammissione. Il fatto che i corsi fossero egualmente a disposizione in tutti e tre i plessi garantiva di fatto il diritto a tutti e non a pochi privilegiati.
L’apertura del nuovo Polo Scolastico, edificio nuovo e sicuro, comportava nei fatti anche la necessità di riempirlo. In origine, secondo una scelta di territorialità, a Piazza avrebbero dovuto salire i ragazzi delle scuole medie di Piazza, di Carassone e delle frazioni. Evidentemente, i calcoli fatti sull’utenza non erano adeguati.
Oggi la scelta qualifica maggiormente la nuova scuola e, nelle speranze dell’Amministrazione, garantisce per essa anche un numero di studenti adeguato. L’effetto collaterale, però, è che, senza la presenza di trasporti pubblici (non ci sono linee che arrivano in Piazza D’Armi) impone alle famiglie potenzialmente interessate all’indirizzo musicale ma residenti in quartieri diversi da Piazza di accompagnare (o “scarrozzare” come ha scritto qualcuno poco rispettoso delle fatiche quotidiane delle famiglie monregalesi) i ragazzi a scuola con la macchina.
Nei fatti buona parte dei futuri studenti di prima media saranno costretti a scartare la scelta dell’indirizzo musicale, per ragioni di tempo, di comodità, di scelte organizzative della propria famiglia. Si pensi, ad esempio, a chi ha magari già altri figli iscritti in una scuola diversa da Piazza: in questo caso iscrivere un figlio al musicale risulta sostanzialmente impossibile.

Peccato ! La grande opportunità di imparare uno strumento gratuitamente rimarrà un privilegio per pochi. Il Polo Scolastico di Piazza, insomma, si configura come una bella scuola, purtroppo destinata ad un’élite.
Davvero, il prezzo per salvare il progetto del Polo Scolastico (partito male, e su cui Lei ha giocato molta della Sua credibilità personale ) deve essere così alto ? Sindaco Viglione la scelta non è rivedibile, considerando i dieci anni, giudicati unanimemente positivi, di un percorso costruito su tutta la città ?
Perché negare l’accesso al corso musicale ai ragazzi dei quartieri bassi della città, togliendo loro un possibilità che era stata assicurata ai loro fratelli maggiori ?
Paolo Magnino

 

Condividi su Facebook
  • Resoconto della raccolta fondi per il progetto "Borse Lavoro"



    MONDOVI' in MOVIMENTO verso...

    una Mondovì con più verde e meno supermercati, che tuteli il paesaggio e lo difenda da inutili cementificazioni e da uno sviluppo irrazionale

    una Mondovì capace di costruire opportunità di lavoro per tutti ed in particolare per le nuove generazioni

    una Mondovì che tuteli tutte le attività artigianali, commerciali, agricole e agroalimentari con particolare attenzione alle tipicità locali

    una Mondovì che scommetta sui giovani e sul loro entusiasmo, che li sappia coinvolgere attivamente nella vita cittadina e favorisca la nascita e lo sviluppo di associazioni, luoghi di aggregazione e di discussione

    una Mondovì che consideri prioritario il tema della scuola e che sostenga il mondo dello sport ad ogni livello

    una Mondovì che sappia valorizzare il suo patrimonio storico e culturale e la sua originale produzione artistica e letteraria

    una Mondovì che promuova la salute dei propri cittadini ed in particolare che sappia offrire un’assistenza adeguata alle persone anziane

    una Mondovì attenta ai bisogni delle persone, unita e solidale, dove chiunque possa sentirsi a casa

    una Mondovì capace di assumere un ruolo di riferimento per lo sviluppo di tutto il territorio monregalese

    una Mondovì nel mondo, attenta ai cambiamenti che avvengono nella società, al suo interno e al suo esterno, e che sappia esserne protagonista


    MONDOVI' in MOVIMENTO aderisce al FORUM nazionale



    Stats: 238 Posts, 61 Comments

  • Articoli recenti

  • Archivio



↑ Top